Regione, Vasco Errani taglia del 10% il suo stipendio e quello degli assessori

Regione, Vasco Errani taglia del 10% il suo stipendio e quello degli assessori

Il presidente della Regione Vasco Errani-6

BOLOGNA - Anche le indennita' della Giunta, insomma gli stipendi degli assessori, finiscono nel provvedimento sui tagli ai costi della politica deciso dal presidente della Regione, Vasco Errani. Oltre alla sforbiciata del 20% a spese per consulenze, missioni e incarichi, e all'intervento- da definire- sulle retribuzioni dei consiglieri, saranno ridotti del 10% gli stipendi degli assessori e del numero uno di viale Aldo Moro. E' lo stesso Errani ad annunciarlo in Assemblea legislativa.

 

Presenta il suo programma di mandato per i prossimi cinque anni, Errani. "Vi informo che la Giunta ha deciso una riduzione delle sue indennita' del 10%", fa sapere Errani. Il taglio si aggiunge all'annunciata diminuzione del 20% che gia' dall'assestamento di bilancio 2010 ("in aula il prossimo  mese", precisa Errani) colpira' le spese di rappresentanza, le consulenze, gli incarichi, le missioni, le partecipazioni alle fiere, i contributi a varie iniziative, la comunicazione, gli uffici all'estero e le auto blu.

 

Una manovra, precisa il presidente, che rispetto al 2009 comporta "un risparmio di 3,56 milioni di euro. E nel 2011 faremo altrettanto- annuncia Errani- con una riduzione complessiva delle spese di gestione del 20%". In parallelo con il taglio dei costi di viale Aldo Moro, la Giunta regionale ha deciso anche una "riorganizzazione degli enti e delle societa'" controllate e partecipate, "promuovendo una riduzione delle spese di funzionamento coerente con quello della Giunta", afferma Errani.

 

Il discorso si sposta poi su indennita' e vitalizi dei consiglieri regionali, "un tema che spetta all'Assemblea legislativa- precisa Errani- ma a cui non voglio sfuggire". Il presidente sottolinea che "non partiamo da zero" ma avverte: "E' fuorviante una rincorsa demagogica sotto i riflettori, perche' arriveremmo tutti alla fine con la maglietta bagnata sudata e comunque sporchi". Secondo Errani bisogna dunque "fare una cosa seria. Le istituzioni hanno un costo ed e' giusto che sia cosi'- dice chiaro e tondo il presidente- so che e' una cosa difficile da dire, ma e' anche serio e responsabile dirlo".

 

Errani invita a prendere esempio dalla media europea di spesa per istituzioni e politiche, a cui "ogni livello deve adeguarsi. Lavorero' anche a livello nazionale per questo- assicura Errani- perche' quello e' il livello giusto per dare una risposta strutturale e risolutiva, non una tantum". All'Assemblea legislativa, dunque, il presidente della Regione suggerisce di "costruire una proposta per se' e per l'Italia sulle indennita' e su una forma di superamento dei vitalizi, con serieta' e rigore. Sgombriamo il campo dalla demagogia- esorta Errani- e basiamo la nostra azione sulla responsabilita' e il rispetto". (Dire)

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di mm77
    mm77

    Bene è già qualcosa, ora però occorre continuare sulla stessa lineacon ulteriori tagli, altrimenti resterebbe solo un contentino. PS Errani comunque (così come Formigoni) non dovrebbe nemmeno occupare quel ruolo.

  • Avatar anonimo di AgenteSegreto
    AgenteSegreto

    ....che sfiga che è arrivata la crisi!!!

  • Avatar anonimo di Alighiero
    Alighiero

    notizia commovente, commozione cerebrale.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -