Regolamento dei quartieri per il centro. La palla passa ai cittadini

Regolamento dei quartieri per il centro. La palla passa ai cittadini

FORLI’ – Approvato, il 19 dicembre scorso, dal consiglio della Circoscrizione n.1, il regolamento dei quartieri. Ora potranno nascere i comitati di quartiere anche nel centro storico. ”Questo è un passo importante per la partecipazione dei cittadini – ha esordito l’assessore comunale al decentramento amministrativo e agli istituti della partecipazione civica, Liviana Zanetti – un passo verso un centro storico vissuto”. Il quartiere di Schiavonia-San Biagio, il più popoloso dei 6, ha già presentato il suo statuto.


Gli altri 5 quartieri sono San Pietro, Cotogni, Ravaldino C1, Grandi italiani C1 e Spazzoli C1. Per la stesura del regolamento, ci sono voluti diversi incontri della prima commissione: “Il territorio del centro è differente rispetto alle altre circoscrizioni – ha spiegato il responsabile Arnaldo Bolognesi – perché, pur essendo una zona ristretta, qui si trovano la maggior parte delle attività produttive della città. La suddivisione è stata decisa in base a due fattori principali: la toponomastica dei quartieri e la coesione dei cittadini, in vista dei comitati”.


“Un regolamento esisteva già negli anni ’70 – ricorda Oredano Ravaioli, presidente della Circoscrizione n. 1 – ovviamente, in sintonia con la trasformazione ed il rinnovamento della circoscrizione, ne è stato redatto uno nuovo”. L’unica differenza, rispetto a quelli delle altre circoscrizioni, è che l’elettorato sia attivo che passivo è attribuito solamente ai residenti del quartiere. La sede della Circoscrizione si trasferirà, probabilmente entro maggio, al primo paino del palazzo Avis, diventando, in questo modo, più agevole per gli utenti. Prima infatti si trovava ai ‘piani alti’, ma senza ascensore, in via Maceri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora si aspetta la partecipazione dei cittadini per la costituzione dei comitati, potendo così interagire attivamente con i problemi del centro storico, alcuni dei quali già evidenziati. “Stanno scomparendo i negozi del centro – ha osservato Vittorio Girolimetti, responsabile di Assoutenti, – per questo i giovani non fanno più le ‘vasche’ in piazza come ai miei tempi”. “Il nostro centro – ha continuato Lanfranco Tupolano, responsabile della Lega consumatori Acli – presenta punti di degrado avanzato. Bisogna fare un paragone con le altre città della zona per capire come muoversi”.


Chiara Fabbri

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -