Restano le Provincie. Rimini e Ravenna accusano: "Fin ora solo demagogia"

Restano le Provincie. Rimini e Ravenna accusano: "Fin ora solo demagogia"

Restano le Provincie. Rimini e Ravenna accusano: "Fin ora solo demagogia"

La Camera dice no all'abolizione delle Provincie. E proprio il presidente di quella di Rimini, Stefano Vitali si dice "esterrefatto su come si stia facendo una pericolosissima demagogia sugli sprechi della politica, che va ad intaccare la credibilità delle persone e delle istituzioni". Alla guida di quella di Ravenna, Claudio Casadio, afferma come oggi "viste le politiche di decentramento le Provincie siano utili a svolgere numerosissime funzioni, evitando che i problemi si allontanino troppo".

 

Entrambi sono d'accordo sulla "maniera troppo ideologica" e poco pratica con la quale viene affrontata la questione dall'alto. "Se viene messa seriamente mano alla riforma istituzionale - afferma Vitali - e da domani le Provincie vengono abolite, noi siamo ben contenti. Ma ora manca un organismo sovraterritoriale al quale possano essere trasferite le funzioni che svolgiamo. Serve una riforma istituzionale che stabilisca chi deve fare che cosa, partendo dai piccoli comuni, che si trovano in situazioni drammatiche e faticano ad andare avanti". Insomma le responsabilità nei confronti del territorio sono tante.

 

"Le provincie hanno compiti importanti per ora, e non possiamo decidere noi se sono utili o no. Certamente è stato un errore farle proliferare tanto, ritrovandosi con realtà troppo piccole. Mi pare che nella nostra regione la situazione sia, invece, equilibrata", conclude Casadio.

 

"Fino ad ora questa discussione stra creando una confusione demagogica con l'unico rischio della delegittimazione. Fino ad ora - ancora Vitali - questo è stato un finto slogan, non ci sarebbe un risparmio reale".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiara Fabbri

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di TEX
    TEX

    Come possiamo pensare che i vertici risparmino sulla politica quando le stesse regioni sono colpevoli di sperperi enormi. Vedi le ultime prove della nostra Regione, rimborsi chilometrici più del doppio della regione trentino per fare un esempio o i vitalizi lasciati dal signor Errani... che poi parla sempre del calo dei trasferimenti alle Regioni... certo che sè rimborsa il doppio, rimborsa missioni non a pie di lista(come tutte le aziende sane) e tante altre(come il suo lauitissimo stipendio e di tutti gli altri in regione...tranne M5S)allora i traferimenti non basteranno mai. I nostri politici sono così, non vogliono togliersi il di più che hanno.Decidono loro, il più grande conflitto di interessi del mondo, sono i nostri politici. Dovremmo azzerargli tutti i benefit, togliergli il rimborso elettorale, diminuirli del 50% e legare lo stipendio di tutti ai veri risultati i della gestione. Sè spariscono i soldi , sparisce il loro stipendio. Sè i partiti rinunciassero al rimborso elettorale sarebbe sufficente a stabilizzare i conti per tutti gli anni a venire ma, come ho detto sono loro che dovrebbero toglierseli, noi lo avevamo fatto ma, ci hanno truffati tutti.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -