RICCIONE - Appello a Pecoraro Scanio dopo morte delfino Mosè

RICCIONE - Appello a Pecoraro Scanio dopo morte delfino Mosè

Riccione, 20 giu. - (Adnkronos) - Appello degli animalisti al ministro dell'Ambiente Pecoraro Scanio affinche' si occupi, in prima persona e con la massima urgenza, delle difficili condizioni degli animali detenuti in cattivita', dopo la morte del delfino Mose', scomparso a soli 10 giorni dalla nascita nel Parco acquatico 'Oltremare' di Riccione.

In particolare, si legge in una nota, la Lav sottolinea ''lo sfascio della normativa in materia di zoo di terra e d'acqua'' e invita Pecoraro Scanio ''a rimettere mano al decreto del Ministero dell'Ambiente che regola il mantenimento in cattivita' dei delfini''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attualmente il numero di questi delfini e' in diminuzione a causa di caccia, catture, inquinamento, traffico marino e riduzione dell'habitat, per non parlare degli 'incidenti' di pesca. ''I delfinari dovrebbero essere dei veri e propri santuari in cui il rispetto dell'animale e' condizione irrinunciabile - precisa la nota della Lav - Purtroppo la realta' e' ben diversa e i delfini sono trattati, nella maggioranza dei casi, come dei giocolieri da addestrare che devono continuamente esibirsi davanti a un pubblico urlante e a volte poco rispettoso, costretti a una vita innaturale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -