Riccione, due mostre uniche in Italia aprono il TTV Festival

Riccione, due mostre uniche in Italia aprono il TTV Festival

RICCIONE - Dal 31 maggio al 29 giugno a Villa Franceschi a Riccione la 19^ edizione del Riccione TTV Festival, l'unico festival internazionale di arti performative in video presente in Italia e tra i più riconosciuti all'estero, propone due eventi espositivi in esclusiva nazionale.

 

15 fotografie di grande formato tratte dal ciclo Fictions del 2006 celebrano un omaggio al fotografo, performer e scrittore Édouard Levé, recentemente scomparso, mentre un articolato percorso fra decine di immagini e video racconta, per la prima volta, il lavoro di uno dei più originali e celebrati gruppi della scena internazionale, il Théâtre du Radeau. Splendida cornice delle due mostre è Villa Franceschi, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Riccione, suggestiva dimora balneare dei primi anni del Novecento a pochi passi dal notissimo viale Ceccarini.

 

La rivista "Les Inrockuptibles" lo ha riconosciuto come uno dei "quaranta talenti emergenti su cui puntare per l'avvenire", accanto a nomi come Sofia Coppola e Forced Entertainment. Édouard Levé, classe 1965, morto suicida a soli 42 anni nel 2007, è oggi annoverato tra i massimi rappresentanti europei della cosiddetta staged photography, ovvero quella fotografia che fissa in immagini interamente create in studio - veri e propri set teatrali - azioni e situazioni appositamente interpretate da performer diretti dal fotografo, regista delle proprie visioni.

Le immagini presentate al Riccione TTV, in collaborazione con Galerie Loevenbruck - Parigi, appartengono alla serie Fictions in cui su fondo nero, dei personaggi vestiti di nero sono impegnati in azioni inconsuete e distaccate dalla realtà ma dense di ironia. Fictions è forse la serie più radicale mai realizzata da Levé in cui i performer, dei quali emergono solo i volti e le mani, talvolta una gamba o un braccio, vestiti di nero su sfondo nero, compongono rebus onirici nei quali domina l'evocazione di elegie infantili e presagi di morte, disillusioni politiche e dissimmetrie private. Poetiche o inquietanti, le scene non stupiscono chi le interpreta che mantiene un sussiego da cerimonia, indipendentemente dal contesto. La creazione fotografica lavora sui clichè del quotidiano, partendo dalla consapevolezza che viviamo in un mondo dominato da stereotipi che fanno di noi degli oggetti. Per poter andare oltre le apparenze, Levé lavora sull'idea di "distanza" e guarda ogni cosa a freddo, senza rinunciare al piacere di un umorismo elegante e raffinato.

 

La mostra si sviluppa nelle sale di Villa Franceschi disegnando un percorso che si apre e si chiude con uno sguardo rivolto all'infanzia, tracciando un arco che passa dall'incanto al disincanto, dalla magia della visione alla fissità di un simulacro privo di vita.

 

 

Théâtre du Radeau - Ricercare è un'occasione altrettanto unica per ricostruire il percorso creativo di una delle formazioni storiche del teatro di ricerca internazionale, diretta con visionaria lucidità da François Tanguy, una delle personalità che più hanno influenzato la scena europea contemporanea. L'eccezionalità della mostra sta nella possibilità di riuscire a raccontare le tappe artistiche di una compagnia che, per scelta, non ha repertorio e che attribuisce agli spettacoli creati nel corso di 26 anni di attività il valore di risultati provvisori di una ricerca in continuo sviluppo. Quando nasce un nuovo spettacolo, il precedente viene abbandonato.

Onirici, evocativi, possenti, gli spettacoli del Radeau creano una relazione forte e diretta con lo spettatore, che vi assiste sotto un curioso tendone da circo, lo stesso luogo in cui gli artisti studiano, provano, lavorano. Lo spettatore, entrando nella "casa del Radeau" si fa testimone di emozioni che dalla scena arrivano con immediatezza in mezzo al pubblico e raccontano frammenti di vita, sogni, speranze, paure con la stessa intensità di un sogno.

 

Andrea Nanni, curatore della mostra, ha raccolto, in esclusiva, una ricca documentazione fotografica (in bianco e nero per i primi spettacoli, a colori per gli spettacoli più recenti) che testimonia tappa per tappa - dal Dom Juan di Molière del 1982 a Ricercar del 2007 - la coerenza di un itinerario in bilico tra musica e arte visiva, sempre pronto a spostarsi, prendendo in contropiede le aspettative del pubblico, in una geografia che spazia dalle riletture dei classici (da Shakespeare a Büchner) fino alle creazioni svincolate da un testo di riferimento.

 

La retrospettiva può contare sui video integrali degli ultimi cinque spettacoli - Choral (1994), Bataille du Tagliamento (1996), Orphéon (1998), Les Cantates (2001) e Coda (2004) - e su un video in prima nazionale, montato dallo stesso regista François Tanguy, in cui si susseguono frammenti del recentissimo Ricercar.

 

Prodotto dalle più importanti istituzioni francesi (tra queste l'Odéon-Théâtre de l'Europe à Paris, il TNB à Rennes, il Festival d'Avignon e il Festival d'Automne à Paris), il Théâtre du Radeau nasce a Le Mans nel 1977. Nel 1982 François Tanguy ne diventa il regista. Nel 1985 la compagnia trova sede in una vecchia filiale automobilistica, progressivamente trasformata in luogo di lavoro e di rappresentazione: nel 1992 viene inaugurata la Fonderie, spazio completamente ristrutturato che ospita vari eventi culturali. Nel 1997, il Théâtre du Radeau installa alla periferia di Le Mans una Tenda in cui prova e mostra al pubblico i risultati della sua ricerca.

 

 

INAUGURAZIONE 31 maggio ore 19

Villa Franceschi, viale Gorizia 2 - Riccione

orari di apertura dal martedì al venerdì 8.30 - 12.30; sabato e domenica 20.00 - 23.00; durante il Festival TTV dal 12 al 15 giugno, dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 23

ingresso 3 euro - ridotto 2 euro (under 25, over 65 e comitive) - gratuito per bambini fino a 10 anni

info Villa Franceschi - tel. 0541 / 600113 - 693534  www.villafranceschi.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riccione TTV Festival - tel. 0541/694425 - 695746 ttv@riccioneteatro.it  www.riccioneteatro.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -