Riccione, il Capodanno di sette giovanissimi tra i 17 e i 21 anni: lo spaccio

Riccione, il Capodanno di sette giovanissimi tra i 17 e i 21 anni: lo spaccio

Riccione, il Capodanno di sette giovanissimi tra i 17 e i 21 anni: lo spaccio

RICCIONE - Il nuovo anno inizia male per gli spacciatori. I carabinieri hanno eseguito 7 arresti. Nelle prime ore del nuovo anno i militari hanno attuato un articolato dispositivo di controllo del territorio finalizzato anche al contrasto dello spaccio stupefacenti presso le discoteche ed i locali di pubblico intrattenimento. In tale contesto i militari hanno arrestato quattro giovani, celibi, operai, incensurati, tutti residenti in Seriate  in provincia di Bergamo, tutti tra i 19 e i 21 anni.

 

Sono ritenuti perché responsabili, in concorso tra loro, di detenzione e spaccio di cocaina, nonché detenzione illegale di marijuana finalizzata allo spaccio. In particolare, alle 02,30 circa, nell'ambito di servizi appositamente predisposti all'interno del parcheggio di una discoteca riccionese, i militari notavano che i quattro a bordo di una Renault Clio stavano cedendo alcune dosi di cocaina a due viterbesi di 20 e 23 anni.

 

Quindi i militari intervenivano bloccando i quattro bergamaschi che tentavano inutilmente di disfarsi dello stupefacente. Le successive perquisizioni dell'autovettura e della camera d'albergo permettevano di rinvenire e sequestrare grammi 7,5 di cocaina e grammi 23,3 di marijuana, già suddivisi in dosi pronte per lo spaccio, nonché materiale per il confezionamento dello stupefacenti. I due acquirenti viterbesi venivano infine segnalati alla competente Autorità Amministrativa.

 

Inoltre sempre i carabinieri di Riccione hanno arrestato due giovani di 18 anni, celibi, incensurati e residenti in Sesto San Giovanni (MI): perché responsabili, in concorso tra loro, di detenzione illegale e spaccio di hashish, nonché porto di oggetti atti ad offendere. Alle ore 04,30 circa, all'interno della stessa discoteca, i militari notavano che i due avvicinavano altri giovani mostrando loro un involucro all'interno delle tasche dei pantaloni e pertanto decidevano di intervenire, bloccando l'illecita attività. La successiva perquisizione personale permetteva di rinvenire e sequestrare grammi 13,5 di hashish, già suddivisi in 23 dosi pronte per lo spaccio,nonché un cutter di grosse dimensioni.

 

Infine i militari dell'Aliquota Radiomobile del Nucleo Operativo e Radiomobile fermavano e sottoponevano ad accompagnamento a seguito di flagranza un minorene di 17 ani, nato in Maroccoe residente nel Bolognese, ritenuto responsabile di detenzione illegale di marijuana finalizzata allo spaccio e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Alle ore 02:30 circa, in viale Caprera, zona attigua al parcheggio della stessa discoteca, i militari notavano che, con fare circospetto, confabulava in una zona appartata con un altro coetaneo.

 

Quindi, ritenendo che fosse in atto un'attività di spaccio, i carabinieri decidevano di intervenire ma il giovane minorenne, notando sopraggiungere i militari, si è dato a precipitosa fuga nella campagna circostante. Ciò nonostante, dopo un breve inseguimento, gli operanti riuscivano a bloccare il giovane marocchino che, tentando ugualmente di sottrarsi al controllo, opponeva resistenza attiva colpendo i carabinieri e cagionando a due militari, lesioni giudicate guaribili in sette giorni.

La contestuale perquisizione personale permetteva infine di rinvenire e sequestrare un involucro contenente grammi 8 di marijuana.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -