Riccione: sequestrati beni per 290 mila euro al body guard delle star

Riccione: sequestrati beni per 290 mila euro al body guard delle star

Riccione: sequestrati beni per 290 mila euro al body guard delle star

RICCIONE - Dopo le manette anche il sequestro preventivo dei beni, ritenuti dai carabinieri parte di una ricchezza costruita con lo spaccio di droga. I militari della compagnia di Riccione hanno metto sotto sigilli beni e contanti stimati in 292 mila euro riferibili alla famiglia di S.M., noto per essere stato il body guard di star famose del cinema e della musica, come Madonna. Il suo arresto, a febbraio era nato dal possesso di 22,8 grammi di cocaina e 34mila euro in contante.

 

Su ordine del gip Sonia Pasini, sono scattati quindi i sequestri preventivi di conti correnti, orologi e altri preziosi, automobili tra cui una Porsche con targa sammarinese. L'attività di spaccio sarebbe riferibile ai facoltosi consumatori di droga della "Riccione bene". S.M., 47 anni, venne arrestato il 1° febbraio, dopo esser stato trovato in possesso di 27 dosi di cocaina, del peso complessivo di grammi 22,80 grammi.

 

Al momento dell'arresto, i carabinieri avevano sequestrato anche numerosi appunti relativi all'attività di spaccio effettuata da merli (tra i clienti figuravano anche avvocati, liberi professionisti, gioiellieri, gestori e titolari di locali notturni) ed una somma di denaro in contanti pari a 34mila euro circa. Il ritrovamento di quella ingente somma di denaro contante aveva fatto insospettire gli inquirenti che ritenevano quei soldi il ricavo di una imponente attività di spaccio.

 

Il bodyguard, che in passato aveva svolto servizi di scorta per alcune celebrità - tra questi basti ricordare Madonna e Sylvester Stallone - conduceva un tenore di vita particolarmente elevato, pur non dichiarando alcun reddito, perché di fatto non svolgeva alcuna attività lavorativa. venivano avviate, pertanto, delle indagini patrimoniali che hanno consentito di individuare numerosi conti correnti bancari accesi presso diversi istituti di credito della provincia di Rimini, intestati fittiziamente alla mamma o al fratello, alcuni orologi di valore e due autovetture intestate all'anziana madre - che non è neanche titolare di patente di guida - e una porsche cabriolet "noleggiata" a san marino.

 

Le investigazioni hanno permesso di dimostrare sia che i beni erano stati acquistati dall'indagato con il denaro provento dello spaccio di sostanze stupefacenti e di cui comunque non poteva giustificare la provenienza, sia che il fratello e la madre di merli si erano intestati fittiziamente i beni al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione e, per questo, i familiari venivano anche indagati per concorso in trasferimento fraudolento di valori.

 

Il provvedimento ablatorio ha interessato un'autovettura Smart del valore di 15.000 euro circa; un "Nissan Murano" del valore di 30mila euro circa; un orologio da polso marca "Rolex Submariner" del valore di 5mila euro circa; e saldi attivi su 8 conti correnti bancari, per un importo complessivo di 138mila euro circa.

 

Nel corso delle operazioni, i carabinieri hanno rinvenuto anche una scrittura privata che documentava la proprietà in favore del bodyguards della Porsche 997-4s cabrio, con targa sanmarinese personalizzata, del valore di 104mila euro circa, sottoposta a sequestro di iniziativa.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -