RICCIONE - Sgominata banda di rapinatori pugliesi, cinque arresti

RICCIONE - Sgominata banda di rapinatori pugliesi, cinque arresti

RICCIONE - Avevano messo a segno diversi furti ai danni di farmacie, parrucchieri e supermercati nel riminese e nel ravennate. Erano specializzati anche nel portare via le automobili. Il tutto tra il settembre 2006 ed il marzo dell’anno in corso. Alle prime luci dell’alba di venerdì i Carabinieri di Riccione hanno dato esecuzione a cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di pregiudicati pugliesi, tra i 30 ed i 50 anni, tutti domiciliati in Romagna.


Le ordinanze di custodia cautelare sono state firmate il 2 novembre 2007 dal gip del tribunale di Rimini, Lucio Ardigò, su conforme richiesta del sostituto procuratore della repubblica di Rimini, Marino Cerioni. In manette sono finiti il 24enne Agostino Aloisi, originario di Nardò (Lecce) ma domiciliato a Rimini, il compaesano e coetaneo Marco De Giorgi, residente a Cattolica, e il 28enne Pierpaolo Pellegrini, nativo di Mesagne (Brindisi), ma residente a San Giovanni in Marignano, tutti noti alle forze dell’ordine. Arrestate anche due persone originarie della provincia di Brindisi, rispettivamente di 24 e 50 anni, le cui generalità non sono state rese note per motivi investigativi.


Le indagini hanno portato anche alla denuncia a piede libero con l’accusa di furto aggravato di due di due donne di 20 e 40 anni e di un trentenne di San Pietro Vernotico (Brindisi), residente in provincia di Rimini, già noto alle forze di polizia, che hanno partecipato al furto di alcune automobili e al colpo in un’abitazione il 9 settembre scorso. Le auto sono state recuperate e restituite ai proprietari.


I militari del nucleo operativo di Riccione, a conclusione di una complessa ed articolata attività di indagine, anche di natura tecnica e con il concorso dei Carabinieri di Pesaro e Ravenna, hanno raccolto concreti e plurimi elementi di reità nei confronti degli indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo ed in concorso tra loro, dei reati contro il patrimonio commessi nel periodo compreso fra settembre 2006 e marzo 2007, nelle province di Rimini, Pesaro-Urbino e Ravenna. Sono otto le rapine compiute dal 25 ottobre 2006 al 3 marzo 2007, con l’aggravate dall’uso di armi da fuoco, di cui due tentate, nei confronti di un supermercato, un ufficio postale, due farmacie, una tabaccheria, un bar-trattoria, un negozio di abbigliamento ed una parrucchiera (bottino complessivo delle rapine 14.000 euro.


E’ stato compiuto un furto aggravato in abitazione, perpetrato il 9 settembre 2006 all’interno della residenza di un uomo di Cattolica, dalla quale rapinatori avevano asportato apparati tecnologici vari per un valore complessivo di euro 5mila euro. Sono dodici i furti di automobili utilizzate dai rapinatori per perpetrare i sopraccitati episodi (valore complessivo delle autovetture rubate (25mila euro).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -