Rifiuti, arriva in regione l'immondizia di Napoli

Rifiuti, arriva in regione l'immondizia di Napoli

“L’Emilia-Romagna darà un contributo nelle condizioni che saranno concordate, facendo la propria parte come le altre istituzioni”. Le parole dell’assessore regionale Lino Zanichelli confermano la disponibilità della Regione allo smaltimento nel nostro territorio di parte dei rifiuti della Campania. L’assessore lo ha confermato al termine della riunione svolta a Roma a Palazzo Chigi. Ancora non è stato stabilito dove verrà smaltita l’immondizia che arriverà dalla Campania.


“La riunione a Palazzo Chigi è stata positiva”, ha commentato Zanichelli al termnine del Vertice. “Innanzitutto perché il presidente Prodi ha proposto il tema non come un fatto di quote da suddividere tra Regioni, ma come grande questione di responsabilità e credibilità del Paese. Inoltre, l’incontro è stato positivo perché le Regioni hanno condiviso la proposta del presidente dell’Emilia-Romagna Errani sull’impostazione di un tavolo tecnico, che approfondirà nelle prossime ore la loro partecipazione nell’ambito e sulla base delle condizioni e disponibilità di ognuna.”


“In questo contesto – ha concluso Zanichelli – non si è parlato di numeri, ma è evidente che l’Emilia-Romagna darà un contributo nelle condizioni che saranno concordate, facendo la propria parte come le altre istituzioni”.


La Provincia di Forlì-Cesena dice no. L’emergenza rifiuti in Campania potrebbe coinvolgere anche la provincia di Forlì-Cesena. Tra le misure straordinarie, decise dal capo del Governo, Romano Prodi, c’è anche l’intervento volontario di altre regioni e l’Emilia Romagna, per ora, non si è tirata indietro. “Abbiamo chiesto di essere lasciati fuori – chiarisce il presidente della Provincia Forlì-Cesena, Massimo Bulbi – ma attendiamo l’esito dell’incontro odierno (mercoledì ndr) a Palazzo Chigi”.


I siti di smaltimento rifiuti presenti in provincia sono quelli di incenerimento di Forlì e le discariche di Ginestreto (Sogliano al Rubicone), della Busca (Cesena) e di Civitella. “Le ultime due sono in via di riempimento” sottolinea Bulbi.


“Ovviamente – continua il presidente della Provincia – la nostra è una richiesta, riteniamo inopportuno che arrivino dei rifiuti dalla Campania nei nostri siti. La decisione definitiva arriverà oggi”.


Chiaramente non si parla di illegalità se non si superano i limiti consentiti: “La discarica di Sogliano – precisa Bulbi – può accogliere una determinata quantità di rifiuti speciali, se si resta sotto alla percentuale prestabilita, non ha importanza da dove sia arrivata l’immondizia”.


“Un ragionamento che mi sembra implicito, davanti all’emergenza campana, è quello sulla serietà degli interventi e del programma messo in atto dalla Provincia di Forlì-Cesena – conclude Bulbi – si è partiti dalle fogne, per arrivare alla raccolta differenziata, raggiungendo oggi una percentuale perfettamente in linea con la media regionale e nazionale, che si prefigge l’obiettivo del 50% entro il 2009. Dunque chi ha paragonato il nostro territorio a Napoli dovrebbe ravvedersi”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -