Rifiuti, Berlusconi torna in Campania: ''Napoli pulita in 3 giorni''

Rifiuti, Berlusconi torna in Campania: ''Napoli pulita in 3 giorni''

Rifiuti, Berlusconi torna in Campania: ''Napoli pulita in 3 giorni''

NAPOLI - Silvio Berlusconi torna ad occuparsi in prima persona dell'emergenza rifiuti in Campania. Giovedì mattina il premier ha fatto un breve sopralluogo al termovalorizzatore di Acerra, l'impianto su cui attualmente poggia buona parte del piano di smaltimento rifiuti per l'area napoletana. Poi si è recato col capo della protezione civile, Guido Bertolaso, ad un incontro con il presidente della giunta regionale, Stefano Caldoro, i presidenti delle province ed i prefetti.

 

"Napoli sarà pulita entro tre giorni", ha promesso Berlusconi. Il premier ha ringraziato le forze dell'ordine "per le risposte equilibrate date alla protesta di Terzigno". E rispetto al problema di cava Sari il presidente del Consiglio ha detto che la società che gestisce lo smaltimento non ha rispettato le procedure e per questo nella zona si sente il cattivo odore che ha fatto inferocire gli abitanti dei Comuni della zona Vesuviana.

 

Il premier ha sostenuto che è necessario un altro termovalorizzatore e rivela: "Abbiamo individuato nel Salernitano un nuovo sito. A Cava Sari andranno solo i rifiuti del Vesuviano mentre Cava Vitiello è congelata a tempo indeterminato". Intanto sono riprese le proteste dei cittadini campani. Le discariche di Chiaiano, Giugliano-Taverna del re e davanti i cancelli degli Stir (stabilimenti di tritovagliatura ed imballaggio rifiuti) di Giugliano e Tufino.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -