Rifiuti, controlli negli aeroporti romagnoli: denuncia 'eccellente'

Rifiuti, controlli negli aeroporti romagnoli: denuncia 'eccellente'

Denuncia “eccellente” nell’ambito di una serie di controlli eseguiti dai Carabinieri della stazione di Ronco, in collaborazione con i colleghi del Noe Tutela Ambientale di Bologna, presso l’aeroporto “Ridolfi” di Forlì. Nei guai è finito il presidente di Seaf Massimo Bucci (nella foto) per aver violato il Decreto Legislativo 152 del 2006 in materia di tutela ambientale. Il Noe è stato impegnato in analoghi controlli anche a Rimini, dove è stata denunciata la ditta Air-Coop.


I CONTROLLI A FORLI’ - I militari hanno accertato all’aeroporto “Ridolfi” un deposito non autorizzato di rifiuti pericolosi come ad esempio olio esausto di scarico. I controlli sono stati eseguiti nella giornata di mercoledì. Gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto in una zona periferica dimessa dell’aeroporto un deposito incontrollato di rifiuti pericolosi consistente in olio di scarico esausto.


Inoltre è stata accertato il deposito, sempre in modo incontrollato, di rifiuti alimentari, consistenti in scarti dei voli extra europei, per più di cinque giorni. Bucci, oltre ad esser denunciato all’autorità giudiziaria, è stato sanzionato amministrativamente per la violazione della tenuta dei registri di carico e scarico, risultati non aggiornati e non completi, di cui Bucci è il responsabile.


I CONTROLLI A RIMINI - Ha toccato anche l’aeroporto “Federico Fellini” di Rimini l’operazione dei Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bologna che si è svolta mercoledì in altri scali dell’Italia settentrionale. I militari hanno sequestrato una parte del piazzale dove si trovano posizionati i contenitori adibiti alla raccolta dei rifiuti. Denunciata la ditta Air-Coop, sub-concessionaria da Aeradria per lo stoccaggio dei rifiuti in questione, per deposito incontrollato di rifiuti pericolosi.


Gli uomini dell’Arma hanno infatti accertato che gli scarti dei pasti serviti a bordo degli aerei extra europei non venivano stoccati secondo una procedura che evita la diffusione di infezioni. Le norme extra europee vietano che il deposito di rifiuti nelle aeree di scalo si prolunghi oltre i cinque giorni. I contenitori dove venivano riposti gli avanzi sono stati trovati sprovvisti di copertura.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -