RIFIUTI - Dragotto e Lombardi (Fi): ''A rischio la gestione rifiuti in Emilia-Romagna''

RIFIUTI - Dragotto e Lombardi (Fi): ''A rischio la gestione rifiuti in Emilia-Romagna''

BOLOGNA - “Per la terza volta in meno di 4 anni scatta il soccorso rosso di Errani al collega Bassolino. Questa volta esteso al disastroso Governo Prodi. Parlo di soccorso politico e non di solidarietà, perché quella campana non è un’emergenza, ma un disastro da mala gestione politico-amministrativa annunciato. L’operazione di salvataggio evocata da Errani, però, mette a rischio la gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna”.


E’ quanto hanno dichiarato Giorgio Dragotto e Marco Lombardi, rispettivamente Presidente e Vice Presidente del Gruppo Assembleare FI dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, in merito alla situazione rifiuti in Campania, che potrebbe portare l’immondizia di Napoli e Caserta nelle discariche dell’Emilia-Romagna.


“Oggi sulla stampa gli amministratori locali del centro-sinistra sono stati categorici e ultimativi. A Ferrara non può arrivare un grammo di spazzatura. Il Comune di Modena ha un divieto vigente verso lo smaltimento di rifiuti esterni. Bologna è ai limiti e ‘ha già dato’. Piacenza non ha discariche utilizzabili e può ‘bruciare’ solo quantità limitate di rifiuti. Mi chiedo a quali territori e a quali comunità locali il prode Errani farà pagare i costi dell’ennesimo salvataggio politico al compagno Bassolino. Il prezzo politico che Errani deve esigere sono le dimissioni di Bassolino e di Pecoraro Scanio. Urge che il Presidente Errani e l’Assessore all’ambiente Zanichelli vengano al più presto a riferire nella commissione assembleare competente e in Aula su quanti rifiuti, e di che genere, arriveranno dalla Campania; in quali impianti verranno trattati e con quali modalità; quali saranno i tempi dello smaltimento e, infine, se vi saranno e a quanto ammonteranno eventuali costi a carico della Regione. La Giunta Errani e l’intero centro-sinistra, PD in testa, chiedano poi scusa agli emiliano-romagnoli, a nome di Bassolino, della Iervolino, di Prodi e di Pecoraro Scanio, per questo nuovo disastro ambientale annunciato”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -