RIFIUTI - Forza Italia: raccolta 'porta a porta' anche a Forlì e Cesena

RIFIUTI - Forza Italia: raccolta 'porta a porta' anche a Forlì e Cesena

FORLI’ – La consigliera di Forza Italia , Vittoria Bertaccini, ha presentato oggi un ordine del giorno di indirizzo al Bilancio di previsione esercizio finanziario 2007 che invita la Giunta Provinciale di Forlì e Cesena ad estendere ai Comuni del territorio ad avviare in fase sperimentale la raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta” anche attraverso “sensibili incentivi economici” come accade in altri Comuni d’Italia, ad esempio Milano.


Gabriele Russo (DS) ha ricordato che la materia è già oggetto di discussione in ambito Ato e presso i Comuni principali, oltre a considerare che la raccolta dei rifiuti “porta a porta” è in fase di attuazione a Forlimpopoli.


Il capogruppo di Forza Italia , Stefano Gagliardi, ricorda che il metodo della raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta” non è presente nel Piano Rifiuti che è stato presentato agli stessi consiglieri e che, al contrario, è stato fatto “digerire alla città un inceneritore dalla capacità di smaltimento superiore al richiesto ed al necessario”.

Il capogruppo del PRI Giovanni Lucchi ha lamentato l’assenza di informazioni importanti attorno a questo ordine del giorno di indirizzo: “la problematica è enorme, ma la documentazione è carente”.


Il capogruppo della Margherita Maurizio Brunelli ha rassicurato: “Ne discuteremo nel Piano provinciale Rifiuti. Si parla di un sistema già in atto a Forlimpopoli. C’è da parte nostra la massima attenzione all’impatto dei costi di servizio ed all’impatto tariffario sull’utenza”.

E’ intervenuto anche il consigliere Fabio Dellamotta (FI) sollecitando, in particolare, l’attenzione dei due consiglieri provinciali “che rivestono anche un importante ruolo all’interno del Cda di Hera”, verso le tematiche della raccolta differenziata dei rifiuti con il metodo “porta a porta”.


Il capogruppo del PRC Piergiorgio Poeta ha stigmatizzato quello che ha definito l’intento strumentale dell’iniziativa (“perché non avete posto il problema durante la discussione del Piano provinciale Rifiuti?) ed ha preannunciato “l’abbandono dell’aula del PRC al momento del voto”. Il capogruppo dei Verdi Stefano Brigidi ha preannunciato un’assenza per “impegni corporali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E quindi “per farlo uscire allo scoperto” fra mille interrogativi (“è un’assenza politica?!”) il capogruppo di Forza Italia , Stefano Gagliardi, ha chiesto una sospensione della seduta per consentire allo stesso Brigidi di espletare le sue necessità fisiologiche ed accingersi a votare. Dopo la sospensione dei 5 minuti l’aula ha preso atto della perdurante assenza di Stefano Brigidi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -