Rifiuti in Abruzzo, in manette l'assessore regionale alla sanità

Rifiuti in Abruzzo, in manette l'assessore regionale alla sanità

Rifiuti in Abruzzo, in manette l'assessore regionale alla sanità

TERAMO - Gli agenti della Squadra Mobile di Pescara, guidata dal dirigente Nicola Zupo, hanno arrestato mercoledì mattina l'assessore alla Sanità della Regione Abruzzo, Lamberto Venturoni (Pdl) in esecuzione ad un'ordinanza firmata dalla Procura di Pescara nell'ambito di un'inchiesta sui rifiuti scattata nel 2008. Con Venturoni è finito in manette anche il noto imprenditore Di Zio, proprietario di una nota azienda del settore rifiuti.Gli indagati sono in tutto 12.

 

Tra i destinatari di avviso di garanzia ci sono i senatori del Pdl Paolo Tancredi e Fabrizio Di Stefano, il sindaco di Teramo Maurizio Brucchi. Per i tre l'accusa è di corruzione. Indagato anche l'ex assessore Daniela Stati che deve rispondere di favoreggiamento. Tra le accuse ipotizzate a vario titolo dai magistrati c'è anche l'istigazione alla corruzione. Il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi non è indagato. Gli indagati stavano cercando di realizzare un inceneritore in Abruzzo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -