Rifiuti pericolosi, maxi sequestro in Calabria. Undici arresti

Rifiuti pericolosi, maxi sequestro in Calabria. Undici arresti

Rifiuti pericolosi, maxi sequestro in Calabria. Undici arresti

REGGIO CALABRIA - Oltre centomila tonnellate di rifiuti pericolosi sequestrati e undici persone in manette. E' il bilancio di un'operazione del Corpo Forestale dello Stato eseguita in provincia di Reggio Calabria. I rifiuti, rinvenuti nella frazione Lazzaro di Motta San Giovanni, provenivano all'attività di una centrale termoelettrica dell'Enel in Puglia ed erano stati depositati in una cava di materiale argilloso utilizzata da un'industria di Laterizi. Sequestrati anche beni per 6 milioni di euro.

 

L'inchiesta è iniziata nel 2005. Tra le persone finite in manette figurano alcuni dirigenti dell'Enel pugliesi e imprenditori reggini. Il reato ipotizzato è disastro ambientale doloso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -