RIFIUTI - Via libera ad accordo tra San Marino ed Emilia-Romagna

RIFIUTI - Via libera ad accordo tra San Marino ed Emilia-Romagna

BOLOGNA - La Commissione regionale competente ha approvato la ratifica dell'Accordo quinquennale fra la Regione Emilia-Romagna e la Repubblica di San Marino, relativo alla gestione dei rifiuti speciali anche pericolosi destinati al recupero e allo smaltimento, siglato il 30 gennaio scorso. Favorevoli pd e idv; contrari fi e gdl. L'intesa è stata sottoscritta in attuazione degli accordi vigenti tra la Repubblica sammarinese ed il Governo.


La Regione Emilia-Romagna, quindi, in ossequio al principio di prossimità, acconsente all'ingresso nel proprio territorio dei rifiuti provenienti dalla Repubblica del Titano, per recuperarli o smaltirli. L'accordo stabilisce che la quantità annuale di rifiuti speciali ammissibile nel territorio dell'Emilia-Romagna, provvista di impianti di smaltimento e recupero in grado di gestirli, è pari a 20.300 tonnellate, di cui 16.500 circa destinate al recupero e circa 3.800 allo smaltimento. Si tratta, come ha spiegato un esponente della Giunta, della conferma di un accordo già in essere fin dal 1995 e per il quale è stato necessario un aggiornamento a seguito della nuova normativa europea in materia.


E' stato inoltre precisato che, a differenza del passato, a San Marino è stato chiesto, ed ottenuto, un preciso impegno ad incentivare la riduzione della produzione di rifiuti e la raccolta differenziata, per poter disporre di un maggior controllo e di una procedura più avanzata nella gestione dei rifiuti. In particolare nell'accordo si prevede che, entro un anno dalla sua sottoscrizione, dovrà essere realizzato un centro di raccolta e pretrattamento e dovrà essere adottata una normativa in materia di gestione che garantisca l'omogeneità nella classificazione e nell'identificazione dei rifiuti, la tracciabilità della loro gestione dalla produzione alla raccolta, l'adozione di obiettivi di miglioramento dei quantitativi di rifiuti destinabili all'effettivo recupero, la possibilità di pretrattamento dei rifiuti prodotti da piccoli produttori e finalizzata a facilitare il loro recupero anche per il periodo precedente alla realizzazione del centro di raccolta e pretrattamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diverse le perplessità e le osservazioni avanzate dalle minoranze. Fra queste, l'ipotesi di chiedere a San Marino anche il rispetto, in prospettiva, del principio dell'autosufficienza nello smaltimento dei rifiuti che produce, dotandosi di un impianto. Nella replica, la Giunta, dopo aver richiamato le difficoltà, legate alla limitatezza e alla morfologia del territorio, di realizzare un impianto nella Repubblica di San Marino, ha ribadito, fra l'altro, che le condizioni poste nell'accordo offrono sufficienti garanzie per la nostra Regione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -