Rimini, 2010 positivo per la biblioteca Gambalunga

Rimini, 2010 positivo per la biblioteca Gambalunga

RIMINI - La Biblioteca Gambalunga si conferma anche nel 2010 quale uno dei più vitali luoghi della cultura del territorio riminese, una delle principali biblioteche storiche della regione e istituzione culturale di riferimento di un'utenza che va ben oltre l'ambito cittadino.

 

Il 2010 ha visto infatti crescere l'uso dei servizi da parte dei suoi frequentatori. Gli utenti attivi, vale a dire di coloro che hanno richiesto libri a prestito o in consultazione,  sono saliti da 3337 nel 2009 a 3516 nel 2010. Questo dato, letto insieme alla contemporanea crescita del numero di ricerche e informazioni bibliografiche, registrate nell'ultimo quinquennio in tutti i settori della biblioteca, conferma la crescita di un uso attivo, rispetto alla frequentazione di chi vi accede esclusivamente alla ricerca di un luogo in cui studiare e incontrare amici.

 

Nel solo settore adulti si è registrato un incremento del 18% dal 2006 al 2010.

Fra i lettori attivi del 2010 ben il 45% è costituito da utenti non residenti nel comune. Forte è la presenza di utenti provenienti dai confini provinciali.

Gli utenti della fascia 0-17 rappresentano il 29, 55% degli utenti attivi, ed è interessante osservare che, analogamente a quanto si osserva nelle statistiche generali sulla lettura in Italia, la fascia più debole dei lettori si ha fra i 15-17 anni, quando la curva scende del 58,13% rispetto alla precedente fascia d'età 11-14. I lettori della fascia 0-14 anni nel 2010 hanno usufruito del  45,31 % dei prestiti complessivi (34027 libri su un totale di 75.091), e fra questi, i bambini dai 6-10 anni, rappresentano il 36%.

Quello della biblioteca è dunque un popolo di giovani lettori, confermato dalle percentuali dei giovani dai 18-25 anni, che rappresentano il 24,13 degli utenti attivi, per salire a 49,41 nella fascia 18-40. Fra i lettori adulti, il numero più alto dei prestiti si ha nelle fasce 26-40 (11603 prestiti); e 41-60 (12760 prestiti).

Fra i lettori attivi, la presenza femminile raggiunge ben il 63,32%, confermando in eccesso i dati sulla lettura in Italia, che ci dicono che nel nostro Paese leggono libri il 51,6% delle donne e solo il 38,2% degli uomini.

 

Con il suo ricco patrimonio bibliografico e iconografico (costituito oggi da 293879 libri, di cui 60.000 antichi, 384 incunaboli, 500 cinquecentine, 16.605 libri e audiovisivi della Cineteca, 7.144 incisioni e disegni, oltre un milione di immagini fotografiche su diversi supporti, ecc.), incrementato nel 2010 di 5616 documenti, la Biblioteca.

Da 72.060 prestiti nel 2009 si è passati ai 75091 prestiti nel 2010, registrando una crescita del 4, 2% che conferma il trend positivo dell'ultimo quinquennio.

 

I dati sui libri più richiesti dagli utenti indicano una differenza rispetto alle classifiche dei libri più venduti nelle librerie. Come osservato da Giovanni Solimine nella sua indagine sulla lettura in Italia, anche i dati della Gambalunga confermano che gli utenti si rivolgono alle biblioteche anche per libri evergreen, che in libreria si esauriscono alla prima ondata,  oltre che per libri fuori commercio. Questi istituti garantiscono dunque una bibliodiversità, un'accessibilità a scrittori ed editori altrimenti  non recuperabili, a causa della struttura di un mercato editoriale fortemente condizionato dalla continua immissione di novità. Fra i libri più prestati dalla biblioteca risultano naturalmente i best seller come L'eleganza del riccio di Muriel Barbery (29 prestiti), La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano (27 prestiti), La ragazza che giocava con il fuoco di Stieg Larsson, i libri di Dan Brown, Fred Vargas, Fabio Volo, ecc., ma anche classici e classici contemporanei.

 

La generale diffusione dell'uso di internet, pur con differenze legate a fasce d'età e categorie sociali, inizia ad avere un impatto sulle modalità di uso della biblioteca. Molti utenti effettuano ricerche consultando il sito della biblioteca e il suo catalogo on line, servendosi di postazioni esterne al servizio (casa, ufficio, università, ecc.). Nel 2010 vi sono state 192.222 visualizzazioni del sito. Una cifra che sarebbe assai più elevata se si comprendessero gli accessi attraverso l' URL diretta. Questo dato è senz'altro destinato ad accrescersi nei prossimi anni, con la prevedibile ed auspicabile crescente alfabetizzazione informatica degli utenti, a cui la biblioteca dedica fra l'altro una parte importante del proprio impegno formativo, a partire dai più giovani.

La rilevante crescita delle informazioni registrate nella sezione ragazzi, che dal 2006 al 2010 ha conosciuto un incremento del 108,9 %, riguarda in misura considerevole l'assistenza ai bambini nella ricerca tramite l'uso di Internet.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Biblioteca Gambalunga è fornita della Certificazione di qualità emessa dall'Ente TÜV Italia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -