Rimini: abusivismo pubblicitario vicino alla stazione, rimossi sei manifesti

Rimini: abusivismo pubblicitario vicino alla stazione, rimossi sei manifesti

Sulla destra il muro ripulito dai manifesti abusivi

RIMINI - Sei grandi impianti collocati tra via Graziani e via Rodi, nei pressi del sottovia ferroviario, sono stati rimossi nell'ambito della lotta agli impianti pubblicitari abusivi che deturpano la città. I sei impianti appena rimossi, che tra l'altro per il pessimo stato di conservazione costituivano anche un pericolo per l'incolumità pubblica, contrastavano con tali disposizioni, nonostante il richiamo al rispetto delle regole alla ditta proprietaria da parte del Comune

 

Un'azione di contrasto nata da quando, dal 1° gennaio 2006, è in vigore il nuovo piano degli impianti pubblicitari, lo strumento che ha consentito agli uffici comunali preposti di far rispettare la normativa nazionale e le disposizioni regolamentari in materia per ristabilire il "governo" della pubblicità sul territorio in relazione alla tutela ambientale e paesaggistica, all'equilibrio della localizzazione degli impianti, al rispetto delle norme di sicurezza della circolazione stradale.

Sono stati migliaia gli accertamenti effettuati in questi cinque anni dalla Polizia municipale che hanno portato alla rimozione di centinaia di impianti pubblicitari abusivi. Tra gli interventi più significativi: la rimozione del grande pannello luminoso all'angolo di via Guerritti - via Flaminia; di un altro pannello luminoso a messaggio variabile in piazzale Kennedy, di 14 mega-poster all'angolo via Costa e via Guerritti e di fronte all'aeroporto, nonché l'eliminazione di un pannello luminoso di oltre 10 mq. collocato di fronte alla Rocca malatestiana.

 

Con l'entrata in vigore del piano degli impianti il divieto di collocazione di impianti di affissione, oltre che nel centro storico e nei borghi limitrofi, è esteso anche in tutta la fascia a mare della ferrovia, consentendo la collocazione dei cartelli esclusivamente nell'area lungo e a monte della statale adriatica.

 

Sempre in tema di lotta all'abusivismo pubblicitario, va segnalato che, sulla scia dell'azione dell'Amministrazione comunale, anche ANAS e Provincia hanno intensificato l'azione di rimozione gli impianti privi di autorizzazione collocati lungo le strade statali e provinciali, come quello, forse tra i più significativi, realizzato nei pressi del casello sud dell'autostrada dove in poco tempo sono stati rimossi decine di mezzi pubblicitari.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -