Rimini: abuso d'ufficio continuato, assolto l'ex primario Franco Barbanti

Rimini: abuso d'ufficio continuato, assolto l'ex primario Franco Barbanti

Rimini: abuso d'ufficio continuato, assolto l'ex primario Franco Barbanti

RIMINI - Erano accusato di abuso d'ufficio continuato in quanto sospettato di aver ‘spinto' alcune pazienti da lui operate nell'ospedale di Santarcangelo ad effettuare alcuni controlli a pagamento nel suo ambulatorio privato. L'ex primario dell'Unità operativa di Chirurgia del nosocomio santarcangiolese, il 65enne cervese Franco Barbanti, è stato assolto dal giudice del tribunale di Rimini Giacomo Gasparini. Il pm Franco Battaglino aveva chiesto un anno di reclusione.

 

Barbanti, residente a Forlì, da oltre tre anni in pensione, era finito nel mirino della Fiamme Gialle in seguito ad una segnalazione dell'Ausl di Rimini, dopo aver appreso che quattordici pazienti, che avevano subito nella struttura pubblica un intervento di mastectomia, venivano visitate a pagamento nell'ambulatorio privato del 65enne.

 

Secondo l'accusa, le pazienti non erano state informate dall'ex primario che potevano eseguire gratuitamente il controllo in ospedale. Nel corso del processo è però emerso che le donne si erano rivolte a Barbanti per la sua professionalità e che anche se avessero saputo della visita gratuita in ospedale avrebbero optato per quella a pagamento perché era più logico esser seguite dal medico che le aveva operate.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Barbanti, difeso dall'avvocato Marco Martinez di Forlì, ha ricordato in un'ampia memoria di aver lasciato l'incarico di informare le pazienti sulle disposizioni del servizio pubblico ai suoi collaboratori di reparto. Il giudice ha così deciso per l'assoluzione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -