Rimini, aeroporti. Piva (Pd): "Non possono reggere con le stesse caratteristiche"

Rimini, aeroporti. Piva (Pd): "Non possono reggere con le stesse caratteristiche"

Rimini, aeroporti. Piva (Pd): "Non possono reggere con le stesse caratteristiche"

Mercoledì è previsto in Regione il voto sul disegno di legge per istituire una società di gestione unica fra gli aeroporti di Forlì (Seaf Spa) e Rimini (Aeradria). Una fusione alla quale la Regione parteciperà con tre milioni di euro. Sul provvedimento interviene il consigliere regionale Roberto Piva (Pd): "Si tratta di una questione sulla quale da tempo la Regione doveva intervenire, era un problema che andava affrontato e risolto. Non possono reggere due aeroporti con le stesse caratteristiche, a soli 50 km di distanza".

 

"Si configura un sistema aeroportuale che continuerà ad assegnare a Rimini, per la sua vocazione turistica, un ruolo di riferimento in Romagna. Nessuna pregiudiziale su Forlì, ma bisogna necessariamente fare i conti con il mercato e non possono reggere due aeroporti con le stesse caratteristiche, a soli 50 km di distanza. L'intervento della Regione serve a fare chiarezza".

 

 

 

 

Commenti (15)

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    60 anni fa Rimini non esisteva: se vale il principio per cui tutto va localizzato e spostato sulla costa, senza un riequilibrio di cui dovrebbe occuparsi la politica, probabilmente per Forlì sarebbe stato più conveniente che la capitale del turismo fosse ubicata altrove... Sicuramente Rimini è un caso unico in Italia. PS. spostarsi a Bologna o Rimini per un forlivese non è affatto un problema... il contrario invece sembra un sacrilegio...

  • Avatar anonimo di settimo
    settimo

    è che nessuno ha il coraggio di fare di fare ciò che andrebbe fatto per motivi elettorali non riesco poi a capire perchè continuare a tirare la romagna come area nella quale individuare un aeroporto cosa centra ?

  • Avatar anonimo di AlexD
    AlexD

    Io ho un sogno da bambino. Aeroporto unico della Romagna a Pisignano. Impressioni, pareri....e non tiratemi fuori la storia dei costi, perchè avanti di questo passo fra 15/20 anni ne avremo già pagati 3 di aeroporti di Pisignano.

  • Avatar anonimo di Virrotio Fabbri
    Virrotio Fabbri

    Qualcuno mi può spiegare 2 cose che non riesco a capire: 1)Va bene che questa amministrazione si ostina e si svena, anzi ci svena, per non fare fallire una socieà (Seaf) che nella pratica è già fallita, va bene che lo faccia per non dover pagare tutti i debiti che la società ha contratto, ma così facendo non continuiamo a finanziare, anno dopo anno, un debito mostruoso con soldi pubblici? Non è come essere sotto ricatto? 2)La situazione di perdita continua dell'aeroporto di Forlì è tale da parecchi anni, a mio giudizio perchè non è sostenibile economicamente (troppi aeroporti in uno spazio piccolissimo e con un bacino d'utenza minuscolo), ma è solo la mia opinione da profano. Come si fa, in concreto a far cambiare le cose? Riducendo le spese? Se sì, quali? Aumentando in modo esponenziale le persone che prendono l'aereo a Forlì? Come? Altro? Grazie

  • Avatar anonimo di Virrotio Fabbri
    Virrotio Fabbri

    Concordo con schietto, quello che conta è il bacino di utenza, non solo la distanza in km (in meno di 100 km ci sono Rimini, Forlì e Bologna). Io mi sono oersino sentito dire, in risposta alla insostenibilità dello scalo forlivese, che Londra ha 5 aeroporti, vi rendete conto, c'è gente che ha il coraggio di paragonare il bacino di utenza della Romagna con quello di Londra.

  • Avatar anonimo di giulianopedulli
    giulianopedulli

    Per quanto lo conosco, Roberto Piva è persona non abituata a sparare opinioni a vanvera. Ritengo che esprima una posizione che è anche di altri, che stanno coperti. E poi, si consenta, a Rimini si vota. In ogni modo, sarebbe opportuno che se ne sapesse di più circa le conseguenze pratiche della applicazione della nuova legge regionale. Così come non è ancora chiara la questione relativa al reale sostegno al processo di privatizzazione dell'aeroporto di Forlì e alla sua compatibilità, se andrà a buon fine, con la "fusione?" con Rimini, notoriamente contraria a questa prospettiva. Comprendo che siamo dentro una situazione complessa e delicata, ma senza chiarezza, vanno in onda, come si vede, polemiche che non favoriscono la soluzione dei problemi.

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Sul merito della questione ho già scritto altrove e non ci torno. Solo che questa volta la sparata di questo qui (Piva) stile copia-incolla della precedente che ho puntualmente citato, e così tranciante per Forlì, mi ha un po' rotto le scatole. Capisco che sia riminese, e che debba tirare l'acqua al suo mulino. E' nella natura delle cose, nelle regole della politica. Lo accetto. Ci sta ... Però, per gli dei, basta! Se ognuno le spara, lo faccio anche io. IDEA - PIVA! Prolunghiamo la pista di atterraggio del Ridolfi fino a collegarsi con quella del Fellini ! 50 Km di pista di atterraggio !!! Sai che rollio !!!! Bel sistema aeroportuale, bella fusione, non trovi ?

  • Avatar anonimo di Marafone
    Marafone

    anche io da forlivese non ho problemi a prendere una aereo a bologna o a rimini, basta con i campanilismi da curva dello stadio ....

  • Avatar anonimo di schietto
    schietto

    @benpensante Milano Malpensa, Linate e Bergamo servono un bacino grande come la Lombardia (9 milioni di abitanti più una delle capitali europee della finanza e di molto altro come Milano), Forlì-Rimini stretti tra Ancona e Bologna servono al massimo un milione di persone, un milione e mezzo a voler essere larghi, se ci mettiamo un pezzo di Umbria e di Marche. Parma ha una grande economia industriale è sede di un'authority europea e serve un bacino di 2 milioni di persone del nord emilia. Mi sa che devi pensar bene tu prima di aprire bocca, mi sembri molto disinformato. La verità, che nessuno ha il coraggio di dire, è che due aeroporti così vicini (45 km, la metà della distanza tra i due aeroporti di Milano) non campano. Comunque non lo dico io, lo ha già decretato il mercato negli ultimi anni. Rimini è una delle maggiori città turistiche d'Europa, la terza o quarta fiera d'Italia e un polo per grandi congressi: tutte attività che naturalmente portano traffico aereo, non la struttura di piccole imprese artigiane con singole eccellenze come Forlì. Vogliamo capirlo, infine, che per uno di Cesena e uno di Ravenna andare a prendere l'aereo a Forlì o a Rimini è uguale (stessi km)? L'aeroporto di Forlì serve al massimo Forlì e Faenza. E' Rimini il luogo naturale di un aeroporto in Romagna c'è poco da dire. La cosa simpatica è che siamo tutti contro gli sprechi... degli altri. Il campanilismo è il principale motivo di sprechi e mancate razionalizzazioni. Da forlivese non ho problemi a prendere l'aereo da Bologna e Rimini, e preferisco farlo da un aeroporto in buona salute che non grava sulle tasche di bolognesi e riminesi, perché tanto con i giri della finanza pubblica grava anche sulle mie tasche (ora invece pago direttamente i 9 milioni di debiti di Forlì e indirettamente con le tasse regionali anche quelli di Rimini e Bologna). Infine, ci vogliamo mettere in testa che un aeroporto non è un servizio pubblico? Non è un ospedale o una tangenziale!

  • Avatar anonimo di benpensante
    benpensante

    Infatti Milano Malpensa,Linate e Bergamo ,secondo il Piva,non reggono e neppure Verona e Venezia ,perchè non provano a chiudere Parma per vedere cosa dicono a Parma e cosi via.Purptroppo spesso è vero quel detto che dice: pensa prima di aprire bocca e togliere ogni dubbio.......

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    @reArtù ok, come lo sono l'ospedale , la fiera e la maggior parte dei servizi/opere pubbliche qui. Enti che sembra abbiano solo un costo. é più giusto arrendersi di fronte a un "magna magna" che c'è stato con queste amministrazioni e alzare le mani chiudendo tutto...o provare a cambiare le cose? @j.d. evviva i piccioni!

  • Avatar anonimo di zac
    zac

    ma vogliamo renderci conto che a parte qualche forlivese miope e con la tasche bucate, non c'è più nessuno che crede al salvataggio dello scalo di Forlì, quanto si potrà andare avanti a buttare oltre 9 milioni all'anno per questo giochino inutile. La favola più bella però è quella della Sa.Ve., sono ormai passati due mesi dall'ipotetica offerta e nessuno ha il coraggio di dirci che è una bufala megagalattica (fate che conto che l'affare Alitalia sia oro colato). Politici forlivesi (Bulbi, Balzani, Pini, Alessandrini ecc.) fate il lavoro per cui siete stati eletti, spendete bene i soldi che la comunità vi mette a disposizione per il bene comune e non per campanilismi anacronistici e fallimentari.

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    @J.Dorian Probabilmente il "nonnino", dall'alto della sua saggezza, ha preso coraggio e ha voluto semplicemente dire che tenere aperto una struttura aeroportuale come Forlì è da incoscienti.

  • Avatar anonimo di LiberaMente
    LiberaMente

    ... e le sciocchezze che partorisce nelle dichiarazioni pubbliche sono nulla confronto a quelle che scrive nei commenti per giustificare la sopravvivenza sua e del suo partito a spese dei contribuenti attraverso queste manovre di palazzo. D'altra parte è noto quanto i ginecologi studino per diventare competenti in materia di turismo ed economia.

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Questo simpatico nonnino dall'aspetto ancora performante che ho avuto modo di apprezzare qui https://www.romagnaoggi.it/forli/2011/3/25/189200/ ha veramente raggiunto un punto di non ritorno sia dal punto di vista sintattico che manageriale. 1) Da uomo di maggioranza, critica la maggioranza per scasrsa tempestività. cito "era un problema che andava affrontato e risolto" Ma è di maggioranza o di opposizione ? 2) Da uomo politico prende decisioni sul mercato. cito "Non possono reggere due aeroporti con le stesse caratteristiche" Ma è un politico o un investitore ? 3) Da uomo di mercato prende decisioni tecniche. "Due aeroporti con le stesse caratteristiche" ? Oh, sì, Piva, stesse caratteristiche. Entrambi hanno piste di atterraggio, entrambi torri di controllo, entrambi sale di aspetto, check in e bagagli. Ora, se sta calmo e lascia lavorare la gente (anche quelli del suo partito, per intenderci). le prometto che poi andiamo insieme al parco a veder volare i piccioni. Ci crede ? HANNO LE STESSE CARATTERISTICHE DEGLI AEREI. Due ali, una coda ... l'aveva mai notato ? Lo faccia presente ad Errani.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -