Rimini, aggredirono supporter del Riccione. Altri due giovani ultrà in manette

Rimini, aggredirono supporter del Riccione. Altri due giovani ultrà in manette

Rimini, aggredirono supporter del Riccione. Altri due giovani ultrà in manette

RIMINI - Nuovi sviluppi nelle indagini sugli scontri tra ultras a margine dell'amichevole del 14 agosto scorso tra AC Rimini 1912 e Riccione 1929 . Le forze dell'ordine hanno arrestato due ventunenni riminesi, A.S. e D.M. le loro iniziali, accusati di aver aggredito insieme ad altri cinque ultras riminesi un gruppetto di sostenitori del Riccione. Il provvedimento di custodia cautelare in carcere è stato firmato dal gip Fiorella Casadei su richiesta del pm Davide Ercolani.

 

Ora i due, già noti alle forze dell'ordine, erano stati indagati rispettivamente per reati contro il patrimonio e reati da stadio, si trovano in carcere al 'Casetti'. A D.M., colpito dal provvedimento di Daspo, è stata contestata anche la violazione del provvedimento. A.S. era stato fermato il 18 agosto insieme agli altri cinque già in carcere, per poi esser rilasciato. A tradirlo sono state le immagini delle telecamere a circuito chiuso e della polizia presente in occasione dell'amichevole che l'hanno colto in più di un occasione con un berretto usato per coprire il volto.

 

Con il 21enne c'era anche D.M., che non era stato riconosciuto dai tifosi che hanno subito l'aggressione. Le indagini hanno permesso di appurare che D.M. aveva avuto modo di conoscere il tifoso di Riccione rimasto gravemente ferito ad un occhio già prima dell'assalto. Le indagini proseguono per identificare gli altri protagonisti in negativo della vicenda.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -