Rimini al quinto posto in Italia per lavoro nero

Rimini al quinto posto in Italia per lavoro nero

Rimini al quinto posto in Italia per lavoro nero

Primato poco brillante per Rimini, che si piazza al quinto posto in Italia nella triste classifica sul lavoro irregolare o sommerso nel nostro paese pubblicata dal "Sole 24 ore" di lunedì. Su 603 aziende controllate dalla Direzione del Lavoro di Rimini nel corso del 2009, ben il 62% non sono risultate a norma o sono state comunque rilevate violazioni alla legge. I controlli effettuati hanno permesso di scoprire, in particolare, 911 lavoratori irregolari e ben 456 in nero.

 

Peggio di Rimini (che è ‘prima' in Emilia-Romagna) in Italia fanno solo le province di Firenze, Livorno, Pistoia, L'Aquila. Nella top ten nazionale e' presente anche Modena, con una percentuale di irregolarita' del 59,6% su 1.039 aziende controllate: 989 i lavoratori assunti non in maniera regolare, 345 quelli in nero.

 

Alla 91^ posizione della graduatoria elaborata dal quotidiano economico appare invece Ferrara, che puo' vantare solo un 18% di imprese risultate irregolari dopo i controlli. Nella citta' estense, pero', le ispezioni hanno fatto comunque emergere una notevole quantita' di occupati irregolari, 1.455 e 460 in nero.

Per quanto riguarda i cosiddetti 'recuperi', nei primi nove mesi del 2009 il rapporto tra premi o contributi recuperati dagli ispettori del lavoro e aziende messe nel mirino e' alto a Modena, sesta in Italia, con 9.887 euro a impresa irregolare. Ottavo posto per Ferrara, con 8.808 euro.

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -