Rimini, appello di Vitali a sostegno dell'associazionismo culturale

Rimini, appello di Vitali a sostegno dell'associazionismo culturale

Appello del Presidente della Provincia di Rimini, Stefano Vitali al sostegno dell'associazionismo culturale del territorio riminese . "Oggi ci chiediamo spesso cosa serve per riavviare lo sviluppo. Siamo certi che sostenere l'associazionismo culturale, soprattutto in una fase di profonda crisi economica, sia superfluo? E' un dato che i consumi culturali, nonostante le difficoltà economiche, non sono in crisi. Anche nel nostro territorio è alta la partecipazione a rassegne musicali, teatrali, cinematografiche".

 

"C'è indubbiamente una forte domanda di cultura - conferma Vitali - Forse perché, quando l'orizzonte si fa scuro, cultura e bellezza diventano un rifugio, un bisogno insopprimibile. L'associazionismo culturale inoltre serve. Al presente. A rendere le comunità luoghi di accoglienza, di coesione, di civiltà. Il recupero di una nuova socialità può passare anche (e soprattutto) attraverso la cultura. Un territorio dinamico, che da spazio alla creatività e alla bellezza attrae investimenti (ricordiamo la Firenze rinascimentale, città della cultura per eccellenza, e contemporaneamente motore dello sviluppo delle tecniche, delle scienze applicate, dei mestieri artigiani, del commercio.) La ricchezza di un territorio non viene dall'imprenditore illuminato di turno, ma da un intero sistema sociale, culturale e produttivo nel quale il singolo possa riconoscersi e al quale sceglie di contribuire".

 

"L'attuale crisi, con il conseguente ridimensionamento della spesa dei bilanci degli enti locali, ha messo in grande difficoltà le associazioni culturali del territorio provinciale che finanziano le proprie attività anche grazie al sostegno pubblico. Sostenere le associazioni culturali di qualità, che operano direttamente sul territorio con iniziative promosse per e con i cittadini, consente all'ente locale di fare davvero crescere la sussidiarietà in campo culturale. In genere, i contributi erogati dagli enti locali a favore delle associazioni culturali sono esigui ma ciò nonostante davvero utilissimi per fare sviluppare e mantenere vitale un tessuto e permettere aggregazione e partecipazione culturale anche nelle piccole comunità. L'ente locale, oggi costretto a ridurre in maniera significativa il sostegno all'associazionismo, può però svolgere un ruolo importante non solo attraverso il sostegno diretto all'associazionismo, ma anche attraverso la sensibilizzazione del tessuto sociale e produttivo delle nostre comunità a farsi carico del patrimonio costituito dalle associazioni culturali del territorio, promuovendo e attivando, anche a livello nazionale, tutte le agevolazioni fiscali a favore dei privati nel campo delle elargizioni liberali in campo culturale. Queste considerazioni dovrebbero valere soprattutto per individuare nuove forme di di sostegno adeguato per quelle associazioni culturali come l'Associazione Fellini, Santarcangelo dei Teatri, l'Associazione Tonino Guerra e diverse altre che negli anni hanno acquisito una notorietà ed un prestigio riconosciuti ben al di là dei confini regionali e nazionali."

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -