Rimini, approvato ad unanimità il "Piano di Protezione Civile 2010"

Rimini, approvato ad unanimità il "Piano di Protezione Civile 2010"

RIMINI - Si è svolto  il Consiglio Provinciale aperto per l'approvazione del "Piano Provinciale d'emergenza di Protezione Civile, anno 2010" che ha visto la presenza e partecipazione delle Autorità Civili e Militari. Piano approvato con voto unanime da parte di tutto il Consiglio Provinciale. Dopo la presentazione del piano da parte dell'Assessore alla Protezione Civile della Provincia di Rimini, Mario Galasso, e la relazione tecnica di Antonio Pesaresi - responsabile della Protezione Civile della Provincia id Rimini - sono seguiti gli interventi del  del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato di Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, del Corpo Forestale dello Stato e dell'Agenzia Regionale di Protezione Civile. Il Piano di emergenza provinciale di protezione civile è un documento finalizzato alla salvaguardia dei cittadini e dei loro beni che si caratterizza per quattro priorità:

  • affida responsabilità ad amministrazioni, strutture tecniche, organizzazioni ed individui per l'attivazione di specifiche azioni, in tempi e spazi predeterminati, in caso di incombente pericolo o di emergenza tali da superare la capacità di risposta di una singola struttura operativa o ente, in via ordinaria;
  • descrive gli scenari di evento e di danneggiamento rispetto alle diverse tipologie di rischio presenti sul territorio;
  • definisce la catena di comando e le modalità del coordinamento interorganizzativo, necessarie alla individuazione ed alla attuazione degli interventi urgenti;
  • individua le risorse umane e materiali necessarie per fronteggiare e superare la situazione di emergenza.

Nella sua presentazione l'Assessore Mario Galasso ha sottolineato come "l'organizzazione della Protezione Civile possa rappresentare il modello del futuro welfare di comunità e un ottimo esempio di fiducia e collaborazione tra istituzioni e cittadini.  A Rimini aderiscono al Coordinamento delle associazioni di volontariato 35 associazioni, in grado di coinvolgere 400 volontari. Una risorsa di grande valore e significato non solo tecnico, ma anche civile".

 

Il Sindaco di Sant'Agata Feltria, Guglielmino Cerbara, è intervenuto in veste di Vice-Presidente della Comunità Montana Alta Valmarecchia "ribadendo l'ottimo lavoro fatto in una situazione complicata, dove alle difficoltà legate al dissesto idrogeologico del nostro territorio, si sono aggiunte le complicazione burocratiche legate al passaggio di Regione. Nonostante ciò sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati tramite l'impegno e l'ottima organizzazione delle risorse, oltre al ruolo fondamentale, nei nostri comuni, dei volontari."

 

Il consigliere Oronzo Zilli ha ringraziato "tutte le Autorità Civili e Militari per il lavoro svolto e la presenza in sala. Su argomenti di primaria importanza come questi è doveroso offrire la massima attenzione e collaborazione. La sinergia tra Forze dell'Ordine e Volontariato è fondamentale, a loro va il nostro sostegno e plauso".

 

Il congliere Maurizio Nanni ha affermato che la Protezione Civile "rappresenta per noi un motivo di orgoglio perché sa coinvolgere nella maniera migliore il rapporto tra Pubblico e Volontariato in un ottica di difesa del territorio e dei cittadini. Formazione continua e prevenzione sono due aspetti sui quali potremmo sviluppare ancora quanto di buono si sta già facendo"

Il consigliere Stefano Stargiotti sottolinea "il carattere trasversale di questa tematica dando un giudizio positivo al lavoro svolto", mentre la consigliera Vittoria Vitale  "ringrazia tutti per il contributo dato alla difesa del bene comune, in particolare al volontariato che garantisce competenze, cuore e professionalità"

 

Il consigliere Giuliano Giulianini, dopo aver ringraziato tutti i protagonisti per l'ottimo lavoro fatto, pone l'attenzione sul tema della prevenzione che "come già detto in commissione, rappresenta la nostra grande sfida".

 

Il consigliere Sergio Funelli afferma che "la Provincia di Rimini, le Autorità Civili e militari del nostro territorio, il volontariato, si sono dimostrati all'altezza delle loro responsabilità. L'occasione di oggi ci mostra un Sistema territoriale vivo, dinamico, partecipativo e presente. Ci indica la bontà di quanto fatto e ci offre gli spunti sui quali lavorare per migliorarci ulteriormente. La Provincia è pronta e questo è anche motivo d'orgoglio, perché frutto del lavoro comune di tutto il Consiglio, senza distinzione politica alcuna. L'organizzazione della Protezione Civile è un esempio di efficacia e coinvolgimento della società civile da cui trarre ispirazione anche in altri ambiti. La nostra responsabilità è, nel realismo delle risorse, quella di stabilire le priorità di intervento e mappare il territorio. Il giudizio di quanto fatto è positivo."

 

Il consigliere Paolo Ricci sottolinea come "per i Comuni dell'Alta Valmarecchia siano fondamentali i Centri operativi territoriali. Nel dare il mio giudizio positivo al Piano auspico che anche su altre questioni si possa lavorare con la stessa armonia e metodologia di oggi".

 

Il Presidente della Provincia di Rimini Stefano Vitali pone l'attenzione "sul cuore, l'affetto, il legame con la nostra terra e la nostra gente che ha permesso a tutti di fare qualcosa in più, in un quadro di incertezza di risorse. Un plauso alle Forze dell'Ordine, al Volontariato e alle nostre strutture tecniche che garantiscono grande professionalità ed abnegazione. Quella della salvaguardia del territorio deve essere una responsabilità condivisa da tutti. Il voto positivo ad unanimità rappresenta un segnale di grande valore per il Piano in particolare ma, più in generale, dimostra un grande senso civico di appartenenza e di responsabilità istituzionale da parte di tutti i Consiglieri, che ringrazio vivamente."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -