Rimini, appuntamento al teatro Galli

Rimini, appuntamento al teatro Galli

RIMINI - Venerdì 22 maggio, una delegazione tecnica del Comune di Rimini ha illustrato ai responsabili della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici la bozza di proposte di integrazione al progetto Garzillo-Cervellati per la ricostruzione del Teatro ‘Amintore Galli' secondo il disegno originario di Luigi Poletti.

 

Come si ricorderà, in data 28 luglio 2008 la Direzione regionale per i Beni Cullturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna e il Comune di Rimini avevano sottoscritto il protocollo d'intesa avente per oggetto l'utilizzo del progetto di restituzione filologica e tipologica del Teatro Amintore Galli di Rimini. Con questo atto, l'istituto regionale metteva formalmente a disposizione dell'Amministrazione Comunale gli elaborati progettuali inerenti il cosiddetto ‘restauro filologico', finanziati nel 2004 dal Ministero ai beni Culturali e quindi redatti dall'Architetto Pierluigi Cervellati.

 

Il protocollo d'intesa impegnava l'Amministrazione Comunale ‘a proseguire l'approfondimento progettuale, per raggiungere il livello di dettaglio e la completezza della documentazione richiesti dalle norme vigenti in materia di Lavori Pubblici per l'espletamento delle procedure di gara per l'affidamento dei lavori'.

 

Nei mesi scorsi si è dunque costituito un gruppo di progettazione e approfondimento- formato da tecnici comunali- per armonizzare il progetto del cosiddetto‘com'era, dov'era' con le esigenze e i recenti obblighi normativi e di legge in materia di funzionalità e sicurezza. La direzione di lavoro è stata orientata verso la dotazione di quei servizi necessari al pubblico (numero di posti, servizi igienici, abbattimento barriere architettoniche), allo spettacolo (locali e soluzioni tecniche, scelta di materiali per migliore l'acustica) e alla sicurezza (rispetto della normativa antincendio e antisismica).

 

La Soprintendenza ha dimostrato grande interesse per le proposte di integrazione che, nelle prossime settimane, dovranno essere oggetto di discussione in Consiglio Comunale per la loro formalizzazione attraverso uno specifico atto d'indirizzo. Passaggio necessario per il successivo completamento dell'iter progettuale e la stesura del bando di gara per la ricostruzione del Teatro Galli.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -