Rimini: arte senza limiti, uno spettacolo per "vedere" al buio

Rimini: arte senza limiti, uno spettacolo per "vedere" al buio

RIMINI - Continuano gli appuntamenti della manifestazione "Arte senza limiti" promossa dall'assessorato Politiche sociali della Provincia di Rimini e dall'associazione L'arboreto-Teatro dimora di Mondaino, in collaborazione con il Comuni di Riccione e Santarcangelo.

 

Sabato 10 e domenica 11 ottobre sarà la volta del percorso sensoriale "Alice nel buio delle meraviglie" curato da Valentina Caggio e Damiano Folli della compagnia Iris, con il patrocinio dell'Unione Italiana Ciechi di Rimini. La performance, ad ingresso gratuito, si terrà a Riccione all'interno dell'ex colonia "Bertazzoni" in viale Torino 19 (zona terme).

 

Come si vive, si sente, ci si muove senza la vista? La performance propone ai partecipanti di vivere un'esperienza alla scoperta del proprio mondo interiore così come Alice, che viaggia dentro se stessa, la sua identità, le sue paure, i suoi affetti, ritrovandosi in un paese meraviglioso dove niente è come conosce, dove i suoi sensi e i suoi pensieri sono costantemente stimolati dalle novità delle percezioni.

 

La performance si svolgerà al buio e avrà una durata variabile di circa 30 minuti. I partecipanti verranno bendati ed entreranno nel percorso, due alla volta, accompagnati dai performer che si prenderanno cura di loro, rassicurandoli e conducendoli nel viaggio.

Lo spettacolo è a posti limitati. Il sabato l'ingresso è, ogni 5 minuti, dalle 20.30 alle 22.30, mentre la domenica dalle 17 alle 19. È obbligatoria la prenotazione ai numeri: 328 3412065 - 349 2500963.

 

L'azione teatrale al buio nasce alla fine degli anni '90. È un modo di fare teatro basato su un'attenzione particolare alla voce e all'ascolto, allo spazio percepito non visivamente, ma attraverso il movimento e i suoni; la relazione attore-spettatore coinvolge anche l'olfatto, il gusto, il tatto e porta ad un'interazione profonda fra di essi.

Scopo della manifestazione "Arte senza limiti" è proporre un programma di spettacoli caratterizzati dalla presenza in scena di persone disabili insieme a persone abili, per dimostrare come l'arte sia non solo un mezzo di espressione alternativo per tutti, ma anche un'occasione di confronto tra diverse abilità in grado di far cadere le barriere culturali che spesso ostacolano l'inclusione delle persone con handicap.

 

Il programma completo della manifestazione, che dura fino al 30 ottobre, è visionabile al sito www.provincia.rimini.it/progetti/sociale

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -