Rimini, aumentano le risorse destinate all'agricoltura

Rimini, aumentano le risorse destinate all'agricoltura

Rimini, aumentano le risorse destinate all'agricoltura

RIMINI - Provincia e Regione incrementeranno le risorse destinate all'agricoltura per il prossimo futuro. Si tratta di un risultato importante, ‘portato a casa' dall'Assessorato all'Agricoltura della Provincia per un territorio che - dal 2009 - è a 27 comuni e non più a 20. ‘Allargamento' che ha riguardato in particolar modo la superficie agricola utilizzata, passata da 29mila a 43mila ettari. L'accordo prevedeva già un trasferimento di risorse comunitarie pari a 1.275.000 euro per il periodo 2011-2013

 

a copertura del passaggio dei 7 comuni dell'Alta Valmarecchia nel territorio amministrato dalla Provincia di Rimini.

 

Ma, per effetto di economie provenienti dalla gestione regionale, sono state ripartite ulteriori risorse per la gestione provinciale. Nell'ambito del riparto di tali risorse alle Province, è stata giustamente riconosciuta la nuova valenza territoriale di Rimini a 27 comuni.

Grazie al nuovo calcolo, è stato concesso oltre il 20% in più rispetto alle risorse spettanti precedentemente (da 700mila a 900mila euro)

 

"Si tratta - ha commentato l'assessore alle Attività produttive della Provincia, Jamil Sadegholvaad - di un risultato del governo locale: governo che risponde coi fatti alle sollecitazioni del territorio".

 

"Oltre al lavoro di coordinamento svolto dalla Provincia, vorrei ricordare il sostegno dell'assessore regionale all'Agricoltura Tiberio Rabboni, del consigliere regionale Roberto Piva, del Tavolo Verde della provincia di Rimini (tavolo provinciale che raccoglie le associazioni di categoria coinvolte nel comparto agricolo) e ultima, ma non ultima, la decisione solidale di tutte le altre Amministrazioni Provinciali di riconoscere il nuovo assetto e il nuovo ‘peso' dell'attuale provincia riminese".

 

La Giunta Regionale ha, inoltre, previsto che la Provincia di Rimini possa ammettere gli agriturismi presenti nei 7 comuni dell'Alta Valmarecchia alle stesse opportunità d'accesso ai finanziamenti. Infatti, la Regione Marche non prevedeva l'obbligo di partecipazione a corsi di formazione specifici per esercitare l'attività agrituristica e di fattoria didattica. La deroga consentirà a tutte le aziende del nostro territorio pari opportunità.

 

"In sintesi - conclude Sadegholvaad - cresce la disponibilità delle risorse destinate a sostenere tutta l'agricoltura provinciale. Verso un sistema sempre più integrato".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -