Rimini, avvelenò acqua in un condominio: 52enne torna in comunità

Rimini, avvelenò acqua in un condominio: 52enne torna in comunità

Rimini, avvelenò acqua in un condominio: 52enne torna in comunità

RIMINI - Torna nella comunità Papa Giovanni XXIII il 52enne riminese arrestato lo scorso primo giugno per aver avvelenato l'acqua in un condominio di via Ain Zara. L'uomo ha ribadito la sua versione dei fatti. Ovvero quella di aver lanciato un barattolo, contenente un diluente per togliere macchie di vernice, come gesto di disappunto per un lavoro mal fatto in un garage. L'oggetto, sempre secondo il 52enne, è causalmente finito nella cisterna che aveva il coperchio scoperto.

 

L'uomo, da sabato scorso ai domiciliari, era stato prelevato il primo giugno dalla struttura protetta di Vergiano dove si trovava in cura dal giorno successivo al gesto. Il pubblico ministero Stefano Celli aveva disposto la misura restrittiva nei confronti del 52enne in quanto considerato come un personaggio pericoloso. Ora l'individuo, assistito dagli avvocati Nicoletta Gagliani e Paolo Righi, si trova nuovamente in comunità.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -