Rimini, bancarotta fraudolenta. Arrestato noto titolare di azienda per intercettazioni

Rimini, bancarotta fraudolenta. Arrestato noto titolare di azienda per intercettazioni

Rimini, bancarotta fraudolenta. Arrestato noto titolare di azienda per intercettazioni

RIMINI - Bancarotta fraudolenta. Con questa accusa la Guardia di Finanza di Rimini, su ordine del pubblico ministero Paolo Gengarelli, ha arrestato un imprenditore riminese, al vertice di un'azienda di intercettazioni telefoniche. Le sue aziende erano state dichiarate fallite tra il 2008 e il 2009, ma per l'accusa il titolare avrebbe più volte tentato di nascondere al curatore fallimentare i libri contabili, in parte anche distrutti.

Da questi infatti risulterebbero le somme da lui distratte, che avrebbero poi portato al fallimento delle aziende stesse. L'uomo aveva elaborato un software di cui si erano avvalse anche le Procure che hanno indagato sulla morte di Marco Pantani, su Calciopoli e sul giallo di Cogne e aveva collaborato nella sua veste di consulente anche per l'omicidio di Meredith Kercher a Perugia, quello del giuslavorista Marco Biagi e il sequestro Soffiantini.

L'imprenditore, difeso dall'avvocato Stefano Caroli, comparirà giovedì davanti al giudice per esser interrogato. Nell'occasione dovrà chiarire dove sono finiti i libri contabili delle due società. Alcuni investimenti che poi si sono rilevati sbagliati lo avrebbero indotto a prelevare somme ingenti dalle casse delle sue società, portandole al fallimento.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -