Rimini, bomba da disinnescare: A-14 chiusa e 200 evacuati domenica mattina

Rimini, bomba da disinnescare: A-14 chiusa e 200 evacuati domenica mattina

Foto d'archivio-55

RIMINI - Sarà chiusa al traffico dalle 8,30 di domenica 10 ottobre l'autostrada A14, così da permettere agli artificieri dell'8° Reggimento Genio Guastatori "Folgore" di despolettare e mettere in sicurezza la bomba d'aereo inesplosa di fabbricazione statunitense risalente al secondo conflitto mondiale (da 250 libbre circa 114 Kg.), rinvenuta in prossimità di via Santa Cristina durante i lavori di sbancamento per la realizzazione della terza corsia dell'autostrada.

 

La sospensione del traffico veicolare su entrambi i sensi di marcia fra il casello di Rimini Nord e il casello di Rimini Sud avrà una durata prevista di circa un'ora, fino al termine della prima fase dell'operazione, coordinata dalla Prefettura di Rimini, che vedrà impegnati un centinaio di uomini delle Forse dell'ordine e volontari della protezione civile.

 

Al termine della prima fase con la messa in sicurezza dell'ordigno, la bomba sarà trasportata nella cava Cbr di Torriana, dove sarà fatta brillare. Le operazioni avranno inizio nella prima mattinata con l'evacuazione dalle proprie abitazioni entro le ore 8,30 dei circa duecento residenti nelle vie Carlo Leoni, Covignano, Bascucci, Mancini, ricadenti nella zona di sgombero avente un raggio di 250 metri dal luogo di rinvenimento dell'ordigno.

 

Al termine delle operazioni di sgombero, l'ordigno sarà despolettato sul posto dagli artificieri dell'8° Reggimento Genio Guastatori "Folgore" di Legnago (VR) chiudendo la prima fase dell'operazione. Sempre dalle ore 8,30, fino a cessata esigenza, sarà chiusa totalmente al traffico veicolare, l'area compresa all'interno del perimetro formato da via Covignano, via Mancini, via Bascucci, via Leoni, via Fabbri. Sospese anche le corse di linea del trasporto pubblico sulle strade ricadenti nella zona di sgombero.

 

Per seguire tutta l'operazione è stata costituita, presso la chiesa del Crocifisso, l'Unità di crisi, coordinata dal dirigente dell'area protezione civile della Prefettura e composta dai rappresentanti degli enti, uffici e comandi coinvolti. Sempre presso la chiesa del Crocifisso, in via Crocifisso, è stato allestito il centro d'accoglienza dove saranno ospitati per il periodo delle operazioni i residenti della zona interdetta che vorranno usufruire del servizio d'ausilio, intrattenuti dai volontari della Croce Rossa e della Protezione civile.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -