Rimini, calci e pugni a connazionali per 500 euro. Un cinese agli arresti domiciliari

Rimini, calci e pugni a connazionali per 500 euro. Un cinese agli arresti domiciliari

Rimini, calci e pugni a connazionali per 500 euro. Un cinese agli arresti domiciliari

RIMINI - E' accusato di aver picchiato con calci e pugni e preso a bastonate insieme a dei complici alcuni connazionali che gli dovevano la somma di 500 euro. I fatti risalgono al 27 dicembre dello scorso anno. Un giovane cinese di 20 anni, X.H. le sue iniziali, è stato arrestato mercoledì dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini con l'accusa di tentata estorsione, rapina e sequestro di persona. Ora si trova agli arresti domiciliari a Savignano sul Rubicone, dove risiede.

 

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il ventenne avvicinò cinque connazionali per farsi consegnare la somma di 500 euro per un presunto torto subito, costringendoli a salire su tre auto differenti per portarli nelle campagne Savignano. Qui sono stati pestati. Ad uno degli aggrediti è stato sottratto un cellulare con tanto di scheda sim. Ora gli inquirenti sono nelle tracce del resto della banda.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -