Rimini, "Cibo dialetto e agricoltura" per valorizzare il prodotto locale

Rimini, "Cibo dialetto e agricoltura" per valorizzare il prodotto locale

RIMINI - Un 'inno' al prodotto locale nel convegno "Cibo dialetto e agricoltura: Secoli di storia e tradizioni possono essere cancellati?". Al dibattito parteciperà anche Tonino Guerra. Venerdì 5 Novembre si terrà a Santarcangelo di Romagna un importante convegno dalle ore 9:00 alle 12:00, organizzato e promosso da Coldiretti Rimini, patrocinato dai Comuni di Sant'Arcangelo e Rimini, dalla Provincia e in collaborazione con la Facoltà di Agraria dell'Università di Bologna e l'associazione Centro Studi Nuove Generazioni.

 

Coldiretti invita la cittadinanza tutta a partecipare a questa iniziativa che è un'occasione di riflessione sulle valenze e le responsabilità del consumo di cibo prodotto localmente, simbolo di cultura e prodotto di duro sacrificio da chi presidia e custodisce il nostro territorio.

 

Durante la giornata, che vedrà anche il saluto del Vescovo, interverranno esperti del settore che approfondiranno le motivazioni del consumo di un prodotto locale fresco e a garanzia di provenienza e stagionalità, in un dibattito che vedrà anche famosi autori e studiosi della nostra tradizione, come Tonino Guerra, raccontare il valore culturale del cibo come vero e proprio

veicolo di valori civili, storici e religiosi.

 

Sempre in quest'ottica di valorizzazione delle nostre eccellenze e del nostro lavoro, verranno esposte anche le attuali prospettive del settore, permettendo una riflessione più profonda anche su come la filosofia del "chilometro zero" possa trasferire redditività alle aziende agricole, affinché i giovani non perdano il legame con il territorio e si riavvicinino a questa attività fondamentale restituendo loro il senso di lavorare la terra e di godere dei suoi frutti come parte qualificante della nostra cultura e strumento educativo fondamentale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -