Rimini come “la città dei bambini”

Rimini come “la città dei bambini”

Una città a misura di bambino: non è un sogno e nemmeno, parafrasando Peter Pan, la-città-che-non-c'è. Anzi, potrebbe benissimo essere Rimini. E' "La città dei bambini" (https://www.lacittadeibambini.org), un progetto internazionale del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell'Istituto di Scienze e tecnologie della cognizione che il Forum Scuola del Partito democratico avanza anche per Rimini, venerdì 18 febbraio, alle 21 alla Sala degli Archi, in piazza Cavour. Non è nemmeno un progetto astratto, solo sulla carta.

 

Al contrario, è attuabile ed attuato: a Pesaro questa realtà è viva e attiva e, ad esempio, l'80% dei bambini delle elementari vanno a scuola da soli. Quando tutto cominciò, nel 2000, erano solo il 6%. E a vegliarli, intervenendo in caso di bisogno lungo il tragitto, sono le persone comuni, come i negozianti o i nonni. E da Roma a Buenos Aires, stesso copione, con i bambini che imparano come l'autonomia coincida con la fiducia in loro dei genitori.

 

Venerdì a presentare i punti di forza del progetto ai riminesi sarà Francesco Tonucci, pedagogo, responsabile del reparto di Psicopedagogia e del progetto Cnr La città dei bambini, introdotto dalla deputata - ed ex assessore alla Scuola di Rimini - Elisa Marchioni; presiederà Enrica Morolli e interverrà anche il candidato sindaco Pd Andrea Gnassi. «E' cambiata la realtà intorno a noi, ed è diminuito enormemente lo spazio di autonomia che riconosciamo ai bambini - dice Elisa Marchioni - Il messaggio dei genitori vorrebbe essere 'mi curo di te, ti proteggo', ma in realtà ciò che viene percepito dal bambino è non ci si può fidare, che 'là fuori' c'è qualcosa di brutto che ci aspetta, da cui difenderci".

 

Il paradosso è che proprio i genitori che hanno vissuto l'autonomia ora sono diventati iper protettivi. E la città non viene vissuta. «Nella mia generazione si andava a scuola da soli, così come da soli giocavamo il pomeriggio al parco e in strada: ora quanti genitori si fiderebbero? - dice Elisa Marchioni - Pensiamo che le città siano diventate pericolose e quindi non possiamo più comportarci come si faceva un tempo; invece è proprio il contrario: le città sono diventate più pericolose proprio perché noi abbiamo smesso di abitarle. Di stendere reti di relazioni con le persone intorno. E sta a noi adulti scegliere: tornare ad essere protagonisti della città, appropriarcene, sentirle e viverle fino in fondo. Oppure, rassegnarci a vivere in difesa. Nelle nostre realtà si fa molto perché questo non accada, ma il fenomeno è molto ampio, e sono convinta che Tonucci ci possa dare buone idee». Non a caso il Forum Scuola propone il progetto alla città, come contributo per il programma della prossima legislatura riminese.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Una città a misura di bambino è il luogo dove ciascuno possa vivere una autonomia adeguata all'età, che consenta anche ai più piccoli di essere cittadini a pieno titolo. - spiega Elisa Marchioni - Nel progetto ci sono i percorsi per andare a scuola da soli, i consigli comunali che suggeriscono strategie al Sindaco, le piazze per giocare e non solo per parcheggiare, ma soprattutto è un modo nuovo per intendere il modo di vivere e muoversi in città. Non è un progetto tecnico per famiglie e scuole, ma un progetto politico di come intendiamo la convivenza civile, quel tessuto di rapporti, fiducia, buon vicinato, che se non vediamo più, che va ricostruito e non solo rimpianto. Se i bambini vivono bene in una città, è il segnale che la città è per tutti, a partire dai più deboli; che è un luogo di relazioni e non è solo il circuito anonimo in cui transitano i veicoli da casa al lavoro e viceversa».

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -