Rimini: concerto del �Trio Lettimi� per il Settimo Incontro di Studio di Analitica

Rimini: concerto del “Trio Lettimi” per il Settimo Incontro di Studio di Analitica

Il Settimo Incontro di Studio di Analitica, organizzato in collaborazione  con l'Istituto Musicale Pareggiato G.  Lettimi, la  Sagra Musicale Malatestiana e la Provincia di Rimini, in programma a Rimini presso l'Istituto Musicale "G. Lettimi" in via Cairoli, 44, da giovedì 19 a sabato 21 novembre, prosegue e approfondisce alcuni degli argomenti che erano stati presentati in occasione dei precedenti incontri.
All'interno del programma giovedì 19 novembre alle ore 21 al Teatro degli Atti in via Cairoli, 40 (ingresso gratuito) concerto del Trio dell'Istituto Lettimi (Paolo Fantini, clarinetto, Danilo Rossi, viola e Paolo Wolfango Cremonte, pianoforte): in programma musiche di Mozart (Trio in mi bem. magg KV 498 Kegelstatt Trio), Kurtág (Hommage à R.Sch op.15d) e Bruch (Acht Stücke op. 83).

Paolo Fantini si è diplomato presso il Conservatorio "G. B. Martini" di Bologna sotto la guida di Italo Capicchioni nel 1983 intraprendendo ancora studente un'intensa attività concertistica sia come solista sia in formazioni cameristiche. Dal 1989 al 1992 si è perfezionato sotto la guida di Antony Pay presso l'Accademia Musicale "L.Perosi" di Biella diplomandosi con lode e menzione speciale. Ha partecipato a concorsi nazionali e internazionali conseguendo sempre piazzamenti di prestigio (1° ad Ancona, Stresa e Casale Monferrato, 2° a Palmi e all'"Atkinson" di Milano, 3° a Martigny e Stresa). Nel 1984 gli è stata assegnata una borsa di studio quale 1° premio assoluto al Concorso nazionale "C.M.Rietmann" per giovani solisti di Pegli (GE). Nel 1992 ha ottenuto il 2° premio (1° non assegnato) al Concorso nazionale "Il clarinetto nel ‘900 italiano" di Perugia. Contemporaneamente ha svolto attività d'orchestra ricoprendo il ruolo di 1° clarinetto nell'Orchestra Giovanile Italiana" (1983 - 1984), nell'Orchestra Arturo Toscanini" di Parma (1985 - 1989), al Teatro "Carlo Felice" di Genova (1996-2003), dal 2003 di nuovo a Parma e recentemente al Teatro Comunale di Bologna; questa attività lo ha portato a suonare in importanti sale e Teatri in Italia ed Europa. Nel 1992 si è classificato al 3° posto, fra 800 iscritti, al Concorso nazionale per le cattedre di clarinetto nei Conservatori Statali di musica. E' titolare della cattedra di clarinetto presso l'Istituto Musicale Pareggiato "G. Lettimi" di Rimini.

Danilo Rossi si è diplomato col massimo dei voti e la lode nel 1985, e si è perfezionato con Dino Asciolla, Piero Farulli e Yuri Baschmet. A soli vent'anni viene scelto da Riccardo Muti a ricoprire il ruolo che ancora oggi ricopre, di Prima Viola Solista dell'Orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala, divenendo la più giovane prima viola nella storia del prestigioso Teatro milanese.


Premiato in una decina di concorsi nazionali e internazionali, fra cui Vittorio Veneto, Stresa e Mosca, e per due anni Diploma d'Onore dell'Accademia Chigiana, Danilo Rossi viene regolarmente invitato nei maggiori Festival internazionali  Asolo, Stresa, Ravenna, Ferrara, Cork, Nijny Novgorod, Elba, Joliette, St. Moritz, Vicenza, Mosca, Settembre Musica di Torino con Azzolini, Brandis, Baschmet, Brunello, Canino, Carmignola, Chung, Dindo, Gallois, Gerart, Ghiglia, Lucchesini, Muti, Tortelier, il Quartetto Arditti, il Nuovo Quartetto Italiano, il Trio Italiano, il Quartetto Vanbrugh.


E' stato inoltre per diversi anni membro del Trio d'Archi della Scala e del Quartetto della Scala con cui si è esibito nelle più prestigiose sale internazionali Lugano, Monaco, Francoforte, Madrid, Berna e d'oltreoceano, Chicago, New York, Philadelphia, Montreal. Nel suo repertorio solistico spiccano i Concerti di Bartòk e di Walton con la Filarmonica della Scala e Riccardo Muti, con i Solisti di Mosca i Brandeburghesi di Bach diretti da Yuri Baschmet e Monologue di Schnittke, Der Schwanendreher di Hindemith con il Teatro Massimo di Palermo sotto la direzione di Gianandrea Gavazzeni e l'Orchestra del Teatro la Fenice, il Concerto di Walton e "Aroldo in Italia" di Berlioz con Jonathan Webb, Don Quichote di Strauss con la Filarmonica di Budapest e la Filarmonica di Mosca, e con l'Orchestra Verdi di Milano  diretta da Riccardo Chailly con cui  è stato solista anche con l'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, i Concerti di Bartòk e Kancely con Gyorgy Gyorivanyi Rath  e le innumerevoli esecuzioni della Sinfonia Concertante di Mozart K 364 con l'Orchestra Regionale Toscana, l'Orchestra da Camera di Mantova, il Massimo di Palermo e Gianandrea Gavazzeni, l'Orchestra della Fondazione Toscanini, la Filarmonica di Mosca, al Teatro alla Scala con l'Orchestra dell'Accademia della Scala, I Solisti di Pavia, l'Orchestra della Radiotelevisione Slovena con Anton Nanut, i Cameristi della Scala, l'Orchestra Milano Classica diretta da Umberto Benedetti Michelangeli insieme a Franco  Gulli, Dora Schwarzberg, Giuliano Carmignola , Boris Belkin, Francesco Manara, Massimo Quarta e Marco Rizzi.


In tournée è stato interprete dei Concerti per Viola d'amore di Vivaldi con i Virtuosi di Santa Cecilia e sempre con la Viola d'Amore  è stato solista con J.E.Gardiner, Trauermusik di Hindemith con i Virtuosi Italiani, il Concerto per viola e pianoforte di Kakhidze con l'Orchestra d'Archi Italiana diretta da Mario Brunello a fianco di Andrea Lucchesini e ha eseguito il Concerto per viola di Kurtag con l'Orchestra della RAI di Torino per Settembre Musica diretta da Zoltan Peskò alla presenza dell'autore. Da 20 anni è presente nelle più importanti Società Concertistiche in Duo con il pianista Stefano Bezziccheri con il quale ha interpretato tutto il repertorio per viola e pianoforte.


Artista  di vasta e varia esperienza musicale, ha collaborato con i jazzisti Sante Palumbo, Stefano Bagnoli, Renato Sellani, Bruno De Filippi, Terence Blanchard, Aaron Fletcher, Steve Winston, Jim Hall, Greg Osby, Waine Marshall, Steve La Spina e Terry Clarke in vari concerti e jam-session : da questa esperienza è nato di recente un CD edito da MAP, dal titolo Bach in Jazz col "  Sante Palumbo Trio" e Bruno De Filippi.
In ambito teatrale ha collaborato con attori del calibro di Alessandro Baricco, Stefano Benni, Ascanio Celestini, Licia Maglietta, Marco Paolini e Daniela Piccari.

Paolo Wolfango Cremonte è nato a Vigevano nel 1969 ed ha conseguito la maturita' classica nel 1988. Nel 1990 si e' diplomato in pianoforte col massimo dei voti, lode e menzione speciale al Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Milano, sotto la guida del Mo Riccardo Risaliti.
Ha tenuto concerti in numerose città italiane, partecipando, tra l'altro, al convegno per il centenario della morte di F. Liszt tenutosi nel 1986 a Palazzo Litta di Milano. Con l'Orchestra Rai di Milano ha suonato (diffusione radiofonica sul terzo programma) il Terzo Concerto di Prokofiev, sotto la direzione del Mo Vladimir Delman e, inoltre, con l'Orchestra dell'Angelicum, il Quarto Concerto di Beethoven.


Nel 1990 ha suonato per la "Societa' dei Concerti" di Milano, nell'ambito della rassegna "Incontri musicali", ottenendo una borsa di studio. Nel 1992 ha suonato al Teatro Manzoni di Milano per l'integrale delle Sonate di Beethoven.
Ha vinto il Primo Premioai Concorsi Pianistici di Stresa (1982), La Spezia (1983), Gallarate (1990). E' risultato tra i vincitori del Premio "Yamaha" di Stresa nel 1991 e, nello stesso anno, si e' aggiudicato il "Premio Venezia".
Nell'ottobre 1993 e' risultato tra i premiati della 18a edizione del Concorso Internazionale "Ettore Pozzoli" di Seregno.
Nel febbraio 1995 alcune sue esecuzioni sono state trasmesse alla Radio Irlandese. Nel giugno 1995 ha suonato a Roma - Cinecitta' Due in una rassegna dedicata alla musica contemporanea e ha partecipato, a Ferrara, all'Aterforum Festival.


Nel giugno 1996 ha vinto il secondo premio e un premio speciale istituito dal Ministero Slovacco per la Cultura al Concorso Pianistico Internazionale "J. N. Hummel" di Bratislava.
In luglio dello stesso anno ha conseguito il Diploma "Master" presso l'Accademia Pianistica di Imola dove si e' perfezionato con i Maestri Lazar Berman, Riccardo Risaliti e Piero Rattalino.
In settembre ha tenuto un Recital nell'ambito del Festival Internazionale di Bratislava.
In Ottobre 1996 ha tenuto un Recital presso l'Universita' Bocconi di Milano nell'ambito della rassegna organizzata da Kawai. Nel settembre 1997 e' risultato il miglior classificato nella Ventesima edizione del Concorso Pianistico Internazionale "Ettore Pozzoli" di Seregno.
Nel novembre 1998 si e' aggiudicato il secondo premio ed il premio del pubblico nella 49a edizione del Concorso Pianistico Internazionale "Viotti" di Vercelli.

Per informazioni:
Istituto Musicale Pareggiato "G. Lettimi", via Cairoli, 44 Tel. 0541/786385

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -