RIMINI - Costringe la figlia 16enne a prostituirsi, arrestata

RIMINI - Costringe la figlia 16enne a prostituirsi, arrestata

RIMINI – Avrebbe dovuto insegnarle i principi sani della vita, invece l’ha sbattuta a suon di minacce e botte sul marciapiede a vendere il suo giovane corpo. E’ la terribile storia che vede come protagonista una 16enne rumena costretta dalla madre (una quarantenne) a prostituirsi. A salvarla ci hanno pensato lunedì i Carabinieri della Compagnia di Rimini dopo la denuncia formalizzata dalla ragazzina. La madre si prostituiva, invece, su appuntamento, in trasferta.

A rendere meno difficile la vita della giovanissima, giunta in Italia nei primi mesi del 2007, ci ha pensato un riminese (qualche anno più grande) che si era offerto anche di pagare la madre di lei pur di non vederla più vendere il suo corpo. Tuttavia la soluzione piacque per poco tempo in quanto secondo la quarantenne servivano soldi. La donna pensò addirittura di denunciare il giovane riminese per aver fatto sesso con la figlia ancora minorenne. Malgrado tutto la storia è andata avanti.

Lunedì scorso la 16enne non ha retto all’ennesimo litigio con la madre, decidendo di denunciarla. Per la madre, che ha negato tutto, sono scattate le manette.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -