Rimini, credito alle imprese: continua l'azione di Confindustria

Rimini, credito alle imprese: continua l'azione di Confindustria

RIMINI - Con questa convinzione Confindustria Rimini ha avviato una serie di incontri fra istituti bancari, imprese e istituzioni.  L'ultimo si è svolto martedì 9 giugno presso la sede di Confindustria Rimini. Fra gli intervenuti il Prefetto Vittorio Saladino.

 

Gli imprenditori, hanno ribadito ancora una volta ai rappresentanti degli istituti riminesi la necessità di continuare a sostenere le aziende del territorio senza per questo disconoscere l'impegno delle banche. Ma la congiuntura richiede un coinvolgimento molto superiore a quello finora dato.

 

In particolar modo, durante l'incontro sono stati presentati gli argomenti più significativi risultati dalle osservazioni del campione delle imprese intervistate. Gli argomenti sono stati raccolti in 7 spunti:

 

-          Motivazioni più chiare e trasparenti da parte delle banche che permettano alle imprese di ottemperare alle loro richieste per raggiungere il rating necessario all'erogazione del credito nei tempi compatibili con le loro esigenze.

 

-     Contenimento del costo del credito: a fronte di una forte riduzione dei parametri di riferimento finanziari, si assiste ad un aumento degli spread e in generale degli oneri bancari e a richiesta di maggiori garanzie.

-          Maggiore celerità nelle risposte relative agli affidamenti per cui gli imprenditori segnalano notevoli ritardi.

-          Ampliamento del credito per smobilizzo crediti e liquidità, facendo presente che finanziare l'attività delle imprese determina la possibilità di cogliere nuove opportunità e contribuisce a mantenere i livelli occupazionali.

-          Aumento della possibilità di finanziamenti a medio lungo termine sia per investimenti che per consolidamento passività.

-          Guardare i fondamentali delle aziende, la loro storicità e serietà per mantenere gli affidamenti in essere alle condizioni concordate, guardare al rapporto con il territorio-

-          Necessità di mantenere gli affidamenti in essere e di non richiedere il rientro dei Fidi.

 

 

L'INDAGINE SUL CREDITO

Nell'incontro è stata presentata l'ultima indagine sulla situazione del credito alle imprese nella provincia di Rimini svolta dall'ufficio economico di Confindustria Rimini fra gli associati. Tra i vari dati emerge che è in atto un razionamento del credito.

Da gennaio 2009 i dati hanno subito un'oscillazione. Nel primo mese dell'anno il 78,13% del campione preso in considerazione dichiarava la percezione di un razionamento, per passare al 73,97% in marzo e risalire al 78,95% nel mese di maggio.

 

Nel 2009 Confidi ha deliberato 11 milioni di euro e 350 mila euro con quasi 5 milioni erogati dalle banche nel mese di maggio, per un'incidenza del 44%. Nel 2008 furono deliberati 8 milioni e 600 mila euro ed erogati dalle banche 4 milioni e 100 mila euro, con un'incidenza del 48%.

Questi dati fotografano la situazione del momento e naturalmente potranno migliorare con il proseguire delle erogazioni in corso d'anno.

Confindustria Rimini quindi auspica che nell'immediato le banche aumentino l'erogazione del credito.

 

Al termine dell'incontro si è convenuto di proseguire sulla strada del dialogo costruttivo. A tal proposito Confindustria Rimini invita gli associati a segnalare eventuali problemi affinché possano essere portati all'attenzione degli istituti di credito in occasione del prossimo tavolo di confronto. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -