Rimini, dal PdL secco 'no' alla fusione tra Fellini e Ridolfi

Rimini, dal PdL secco 'no' alla fusione tra Fellini e Ridolfi

Rimini, dal PdL secco 'no' alla fusione tra Fellini e Ridolfi

RIMINI - "L'aeroporto di Forli' e' una anomalia creata e poi abbandonata dalla politica bolognese e per questo continua a produrre ingenti perdite. Fonderlo con Rimini significherebbe provare a far pagare a Rimini i debiti di Forli' con l'unico risultato di provocare la chiusura di entrambi gli scali". Marco Lombardi, consigliere regionale del Pdl riminese, torna a scagliarsi contro i piani per accorpare il "Ridolfi" e il "Fellini".

 

Il berlusconiano parla a proposito di "fusioni imposte dal 'partito' senza nessun riferimento al mercato". Tornando alle piste di decollo, Lombardi immagina che in caso di fusione "non solo vi sarebbero disagi per i passeggeri che non si troverebbero piu' un aeroporto sotto casa, ma perderebbero il lavoro sia i dipendenti di Rimini che di Forli'". Quale la ricetta allora? Il pidiellino riminese invoca "una strategia indirizzata dal mercato e non dalla politica", che "consentirebbe

di proseguire nel rilancio dell'aeroporto di Rimini, con indubbi vantaggi per gli utenti dell'intera Romagna, e con la possibilita' di occupare il personale eventualmente in esubero da Forli'".

 

In tutto questo, rimarca Lombardi, le preoccupazioni dei forlivesi a una "collocazione d'eccellenza" sono "legittime e condivisibili, noi possiamo sostenerle attraverso il Piano Territoriale Regionale". (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -