Rimini: dalla Diocesi di Rimini ottantamila euro per aiutare Haity

Rimini: dalla Diocesi di Rimini ottantamila euro per aiutare Haity

Ottantamila euro: è la cifra che la Caritas diocesana di Rimini ha ricevuto ed inviato, fino ad ora, per finanziare le attività realizzate da Caritas Italiana ad Haity. Le offerte sono arrivate alla Caritas diocesana dalle parrocchie del territorio e da singoli cittadini.

  

Haity è il paese più povero dell'America Latina. Si registrano circa 9 milioni di abitanti dei quali oltre la metà vive con meno di 1 dollaro al giorno. Da anni Caritas Italiana sostiene la chiesa locale, in particolare per le emergenze, per gli interventi di promozione della donna e di economia solidale, sostegno ai minori, all'agricoltura e al microcredito.

In seguito al sisma del 12 gennaio, la Caritas haitiana, grazie al coordinamento con 58 sacerdoti e responsabili di comunità attivi in 32 parrocchie, al sostegno dell'intera rete Caritas, di un team giunto appositamente a Port-au-prince e di migliaia di volontari, è riuscita a distribuire in modo mirato quanto già c'era nei diversi centri Caritas e a far arrivare generi di prima necessità.

  

Caritas Italiana, per prima fase di emergenza, ha messo a disposizione 1 milione di euro per assicurare assistenza sanitaria, igienica e alimentare, di sopravvivenza per 20 mila famiglie con bambini. Grazie ai suoi team sanitari con medici, infermieri e psicologi, in coordinamento con il Ministero della Salute, Caritas interviene già in otto campi. Solo nell'ultima settimana sono stati distribuiti 3 mila kit per l'allestimento di alloggi temporanei, in grado di ospitare 18 mila persone.

È stato anche istituito un piano bimestrale per circa 31 milioni di euro che comprende precisi settori di intervento: aiuti alimentari, indumenti e coperte, medicinali e servizi sanitari di prima necessità, acqua e materiale igienico di base, sostegno psicologico, assistenza sanitaria nei campi di sfollati. In ogni campo la Caritas ha allestito due tende dove si svolgono attività di ascolto ed orientamento per gli adulti e dove ci si prende cura dei bambini attraverso attività ludico-didattiche e recupero psicologico.

 

L'intervento Caritas non si esaurisce nella fase di emergenza. È stato avviato anche un processo di sviluppo di attività lavorative e di impiego al fine di stimolare l'economia locale e fornire servizi utili alla collettività assistendo: attività per le quali si prevede di avviare al lavoro circa 10 mila persone.

In coordinamento con la Caritas di Haity, l'intervento  pluriennale  della Caritas Italiana si articola, quindi, su alcune direttrici: sostegno finanziario per l'attuazione di un piano di prima emergenza; assistenza psicologica alle persone traumatizzate, con attenzione anche all'accompagnamento pastorale e spirituale; valutazione dei bisogni effettivi e predisposizione di un piano di riabilitazione, ricostruzione e sviluppo con invio di animatori di Caritas Italiana; finanziamento di progetti di ricostruzione; sostegno a progetti in fasi successive per la riabilitazione della capacità lavorativa anche con strumenti come il microcredito.

  

Don Vittorio Nozza, direttore di Caritas Italiana, ha sottolineato che insieme alla pietà e al bisogno di reagire sono necessarie azioni concrete. "Non c'è dubbio che la natura ci può cogliere troppo spesso impreparati. Così come non c'è dubbio che i paesi e le genti più esposti alla furia imprevedibile degli eventi nelle aree equatoriali e in quelle a forte rischio sismico del pianeta sono anche quelli più poveri".

 

Domani, 17 febbraio, è mercoledì delle Ceneri, giornata che segna l'inizio della Quaresima in preparazione alla Pasqua.

  

Ÿ        Quaresima -  Pasqua,  allora, è mantenere viva la memoria sul Crocifisso e sui crocifissi poveri e sfruttati del mondo per assumere sguardi di giustizia e solidarietà, stili e scelte sobrie di vita.

Ÿ        Quaresima - Pasqua è educarci a un pensiero concreto e costante per i poveri del mondo che si traduca in gesti, opere, microprogetti come ordinario modo di vivere, ciò è fattibile nella misura in cui l'attenzione e la solidarietà nei confronti dei poveri del territorio e del mondo vengono programmate in modo sistematico con azioni di sacrificio-rinuncia, messa in comune dei risparmi dei propri sacrifici e assunzione di impegni da realizzare nel proprio contesto e nel mondo.

Ÿ        Quaresima-Pasqua è riflettere e confrontarci sui viaggi della speranza e sulle strategie di integrazione. Circa 5 milioni di volti da paesi impoveriti e in conflitto. Questo impone un minimo di rigore intellettuale e la capacità di leggere complessivamente il fenomeno dell'immigrazione. Ci troviamo di fronte a una grande povertà culturale incapace di cogliere che gli immigrati per noi sono sì una scomodità. Ma una scomodità che fa crescere. Pertanto è necessario organizzarsi in tanti a favore di tutti, a favore di una convivenza corresponsabile, partecipata, costruttiva, giusta, fraterna e solidale.

 

Si raccolgono ancora donazioni ed offerte:

 

Tramite  la Caritas  di Rimini:

 

Ÿ        C/c postale n. 13243472 intestato alla Caritas diocesana Rimini
CODICE IBAN CARITAS: IT 24 I 06285 24229 CC0027459084 presso Carim, filiale Matteotti conto Caritas specificando nella causale:  ‘Emergenza terremoto Haiti'.

  

Ÿ        Ufficio Caritas presso la Curia, via IV Novembre 35.

 

Ÿ        Sede Caritas diocesana di Rimini, via Madonna della Scala, 7.

  

Direttamente  alla Caritas Italiana :

 

Ÿ        UniCredit Banca di Roma Spa, via Taranto 49, Roma Iban: IT 50 H 03002 05206 000011063119  specificando nella causale: ‘Emergenza terremoto Haiti'

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -