Rimini: difensore civico, 450 pratiche in tre anni

Rimini: difensore civico, 450 pratiche in tre anni

Rimini: difensore civico, 450 pratiche in tre anni

RIMINI - Un totale di 450 pratiche in tre anni, riferite per la stragrande maggioranza dei casi a tre uffici: Polizia municipale, Infrastrutture e Mobilita', Casa. E' tornato a farsi vedere in Comune Renato Ferraro, difensore civico territoriale di Rimini. Lunedì mattina la seduta congiunta di commissione a palazzo Garampi (si sono riunite la prima e la seconda) lo ha ricevuto per una nuova audizione. Ferraro, i cui tre anni di mandato sono scaduti in gennaio, procede verso la proroga ad hoc di un anno a suon di modifiche statutarie in attesa che il disegno di legge Calderoli, che dall'anno prossimo assegnera' la nomina in questione alla Provincia, entri in vigore.

 

Intanto, continua a difendere "chi nella lotta alla burocrazia si ritrova debole nei confronti della Pubblica amministrazione", ribadisce il difensore riminese. Alla voce "problematiche emergenti" nella sua relazione Ferraro inserisce il capitolo contravvenzioni in zona Ztl. A causa della "intempestivita'" delle notifiche qualche residente, a seconda dei casi, si e' visto colpito anche da un accumulo di 60-70 sanzioni.

 

Ecco che, oltre ad accelerare "i tempi di notifica" delle multe Ztl, Ferraro sprona l'amministrazione comunale a installare i pannelli a messaggio elettronico ai valichi, attesi da oltre un anno. Sempre sul comparto viabilita', il difensore propone "l'eliminazione delle barriere architettoniche nei negozi del centro storico" e la riduzione della sanzione per il ritardato pagamento del canone dei passi carrai "con possibilita' di retroattivita'". Su quest'ultimo aspetto, pero', il Consiglio comunale si e' gia' espresso indicando di fatto un'unica strada: il ricorso collettivo.

 

Sul fronte alloggi, rimane il paradosso per cui chi e' sottoposto a uno sfratto ma questo non e' operativo non puo' accedere alle graduatorie pubbliche. Ferraro suggerisce di "accettare la domanda con riserva anche prima del rilascio dell'esecuzione immobiliare". Tra gli altri nodi da sciogliere, le domande che superano la disponibilita' di abitazioni, l'accesso al canone calmierato, la richiesta di cambio alloggi, la sistemazione di persone in residence per brevi periodi.

 

Infine, il difensore civico raccomanda di "approvare" la proposta di progetto straordinario dell'ufficio Peep con la direzione Patrimonio per "arrivare in tempi brevi" alla cessione in proprieta' delle aree oggi in diritto di superficie al quartiere 6-V Peep Ausa in seguito al recupero dei maggiori oneri.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -