Rimini: effetto Alta valmarecchia, crolla la densita demografica

Rimini: effetto Alta valmarecchia, crolla la densita demografica

Rimini: effetto Alta valmarecchia, crolla la densita demografica

RIMINI - Il riminese (oggi 325.279 abitanti, per il 48,5% maschi) si conferma un territorio 'attrattivo', in costante aumento demografico (saldo demografico e' pari a 3.808 unita', piu' 1,2%). Ma il segno positivo, non solo nel Comune capoluogo che perde il 'dominio' della popolazione territoriale (concentra il 43,5% dei residenti, circa quattro punti in meno in 30 anni), e' dovuto per lo piu' ai flussi migratori ormai strutturali.

 

Gli stranieri rappresentano una 'pressione' pari al 9,4% sul totale, piu' o meno 10 stranieri ogni 100 residenti, contro un dato regionale pari al 9,7% e uno nazionale pari al 6,5%). Crescono soprattutto i piu' giovani (i minori residenti sono 53.219, il 16,4%, di cui il 12% stranieri), il cui peso torna ad essere quello dell'inizio degli anni '90, mentre gli anziani (67.081 gli ultra 65enni, il 20,6%)

si stabilizzano.

 

Questi i tratti salienti del bilancio demografico al primo gennaio 2010 presentato dall'ufficio Statistica della Provincia di Rimini. Il primo studio inclusivo dei sette Comuni dell'Alta Valmarecchia, targati Rimini da agosto, lo commenta in diretta il presidente della Provincia Stefano Vitali: "C'e' un forte decremento della densita' media, che passa da 537,7 abitanti al chilometro quadrato a 376,7 abitanti. Con la Provincia a 27 Comuni si 'perdono' 161 abitanti, un decremento  che significa piu' spazio".

 

Tornando alle cifre diffuse, il territorio a 27 Comuni cresce di un decimale in meno rispetto alla provincia a 20, a causa del decremento (meno 0,4%) registrato nell'Alta Valmarecchia (vi risiede il 5,6%). Tra i sette Comuni solo due segnano un saldo demografico positivo (Novafeltria, piu' 30 unita', e Maiolo piu' cinque). Tra le aree a piu' alto indice migratorio ci sono Bellaria-Igea Marina (12,8%), San Leo (12,3%), Morciano di Romagna (11,3%), Torriana (10,8%), San Clemente (10,4%).

 

Il 57,4% dei cittadini stranieri residenti si concentra in due Comuni costieri (46,9% nel capoluogo e 10,5% a Riccione). Con 127 paesi rappresentati c'e' una polarizzazione degli albanesi (25,5%), il gruppo piu' numeroso (oltre un quarto) seppure si sia ridotto di un punto rispetto al 2008. Infine, le famiglie: sono oggi 137.359 (piu' 1,7%) con un numero medio di componenti pari a 2,37. Vive  in famiglia il 98,5% della popolazione; il resto in convivenza (circa 2.000 persone) con un 2,3% per la componente senior.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -