Rimini, evasione di oltre 2 milioni di euro. Pignorata villa ad un contribuente riminese

Rimini, evasione di oltre 2 milioni di euro. Pignorata villa ad un contribuente riminese

Rimini, evasione di oltre 2 milioni di euro. Pignorata villa ad un contribuente riminese

RIMINI - Era riuscito a costituirsi un fondo patrimoniale con la moglie per evitare il pignoramento della sua villa, a fronte di un debito con l'erario di oltre 2 milioni di euro. Tuttavia non è stato sufficiente per sfuggire alle richieste del Fisco, in seguito a un accertamento che aveva rilevato, oltre a redditi milionari non dichiarati, anche il trasferimento fittizio della residenza nel Principato di Monaco. E' la storia di un contribuente riminese, formalmente domiciliato a Montecarlo.

 

Una sentenza del Tribunale di Bologna, che ha dichiarato inefficace nei confronti del fisco il fondo patrimoniale dell'uomo, comporterà il pignoramento dell'immobile da parte di Equitalia. E' giunta così al termine una lunga controversia con l'Amministrazione finanziaria, iniziata nel 2001, quando un accertamento fiscale aveva scoperto compensi non dichiarati per sponsor e cachet professionali, per oltre 7 milioni di euro.

 

Dopo i controlli dell'Agenzia delle Entrate e delle Fiamme Gialle, era stata dichiarata "fittizia" la residenza del contribuente nel Principato di Monaco, dove risultava formalmente residente mentre di fatto manteneva in Italia il centro degli interessi affettivi ed economici. Nel 2003, allo scopo di estinguere il proprio debito col Fisco, il riminese si era avvalso del condono, senza però pagare i 2 milioni di euro dovuti.

 

In seguito aveva costituito il fondo patrimoniale con il coniuge, contro il quale l'Ufficio Riscossione della Direzione Regionale Emilia-Romagna ha presentato l'azione revocatoria che ha portato alla sentenza del Tribunale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -