RIMINI - Fabbri incalza la Regione. ''Accelerare sulla nuova Ss16 Adriatica''

RIMINI - Fabbri incalza la Regione. ''Accelerare sulla nuova Ss16 Adriatica''

RIMINI - Il vice presidente e assessore al bilancio della Regione, Flavio Delbono, ha voluto incontrare, stamane, gli amministratori e i rappresentanti delle categorie e delle associazioni riminesi per illustrare il bilancio di viale Aldo Moro. In realtà si tratta di tre provvedimenti in uno: il bilancio 2007, appunto, ma anche la legge Finanziaria regionale e i provvedimenti fiscali.


Le priorità che hanno ispirato la “manovra” sono il welfare, gli obiettivi legati a Lisbona 2010 (formazione, innovazione e ricerca) e il territorio, inteso sia dal punto di vista dell’innovazione che da quello delle infrastrutture.

Delbono ha spiegato che le entrate sono composte da Iva, Irap, addizionale Irpef vera (cioè quella quota che supera lo 0,9 compartecipativo e che va in base al reddito: 0,2 in più fino ai 15.000 euro di reddito lordo per arrivare allo 0,5 in più per redditi sopra i 25.000 euro), bollo auto e accisa benzina (calata del 30% circa dal 2001 per l’accresciuta immatricolazione di auto a diesel).


Il segno più totale ottenuto ammonta a circa 240 milioni di euro: 100 milioni in più per il fondo per la non autosufficienza, 100 in più come quota a parte per ripianare la sanità 2006 e 40 milioni in più da usare per investimenti.


Il vice presidente della Regione ha poi spiegato che il piano degli investimenti per il 2007 vale circa 2 miliardi e mezzo di euro e servirà ai piani energetici, al completamento della rete telematica, agli interventi per ricerca e sviluppo e per le infrastrutture materiali.

Fondi specifici verranno dedicati all’edilizia scolastica riminese, per riportarla più vicina alla media regionale.


Ma la vera novità della manovra regionale sta nell’uso e nell’entità dei fondi europei per i quali si sono recuperati ben venti punti percentuali rispetto al 2006. In totale stiamo parlando di 800 milioni di euro per la formazione, 350 per l’ex obiettivo 2 e 200 per i fondi territoriali. Tolti gli 800 bloccati dalla formazione ci sono dunque 550 milioni di euro in sette anni da utilizzare per investimenti in infrastrutture, energia e progetti. Ottanta milioni l’anno. Delbono ha anche spiegato che in queusti fondi c’è anche una voce che riguarda la riqualificazone territoriale con specifico riferimento a commercio e turismo.


Da parte sua il presidente della Provincia di Rimini, Ferdinando Fabbri, ha sollecitato la Regione a intervenire sulla nuova statale 16. “Occorrono – ha detto Fabbri – 260, 270 milioni di euro. Anas ha garantito la metà della quota se noi troviamo l’altra metà. Pensiamo che un terzo lo possa mettere la Regione, un terzo noi della zona e l’altro terzo potrebbe scaturire da un pedaggio ad hoc”.


Il sindaco di Rimini, Alberto Ravaioli, ha formulato le sue priorità: statale 16 sicuramente, ma anche Trc, Palacongressi, università e sanità.

Gabriele Bucci, per l’associazione albergatori, ha sottolineato il ruolo decisivo che può rivestire l’aeroporto di Rimini e ha chiesto che i bandi europei o regionali possano considerare anche gli operatori turistici come soggetti destinatari.

Prima delle conclusioni di Delbono, il presidente Fabbri ha ricordato che il Palacongressi di Rimini per partire ha bisogno dei 7 milioni di euro della Regione e che il territorio riminese attende le indicazioni per usare al meglio i fondi europei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Delbono ha risposto che i due terzi del Pil regionale vengono dal terziario e che “sop benissimo che la parte turistica è fondamentale”. Ha aggiunto che le sollecitazioni del presidente Fabbri sono condivisibili e che Trc, nuova statale 16 e Palacongressi sono impegni che la Regione può assumere. “Badate bene, ha detto, quella della riqualificazione commerciale e turistica è un’importante novità. E alla rete regionale degli scali aeroportuali abbiamo creduto investendo due milioni di euro. Sulle Fiere pensiamo si possa fare la stessa cosa”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -