Rimini: farmers market, bilancio positivo ad un anno e mezzo dall’avvio del progetto

Rimini: farmers market, bilancio positivo ad un anno e mezzo dall’avvio del progetto

Rimini: farmers market, bilancio positivo ad un anno e mezzo dall’avvio del progetto

RIMINI - Bilancio positivo ad un anno e mezzo dalla nascita a Rimini del primo "Farmers market", il mercatino dei produttori agricoli. Nel pomeriggio di ieri l'assessore alle attività economiche Antonio Gamberini ha incontrato le aziende agricole del territorio che partecipano all'iniziativa e i rappresentanti delle associazioni di settore, delle associazioni dei consumatori e dei sindacati grazie alla cui collaborazione è stato possibile dare vita al progetto.

 

L'assemblea è stata l'occasione per presentare e insediare il Comitato di gestione che avrà il compito di valorizzare l'attività del mercato, di promuovere la conoscenza dei prodotti del territorio, di controllare la trasparente applicazione dei prezzi, la qualità dei prodotti e l'indicazione della loro provenienza. Presieduto da Andrea Bascucci (Federconsumatori), il Comitato è formato da Comune di Rimini, sindacati, associazioni agricole Cia e Coldiretti, produttori e associazioni dei consumatori.

 

Avviato nell'agosto 2009, il Farmers market riminese si tiene ogni venerdì dalle 7 alle 13 nell'area ex Sartini. Sono 16 gli agricoltori che vendono direttamente i loro prodotti negli stand, ma complessivamente salgono a una trentina le aziende agricole coinvolte nell'iniziativa. Con l'obiettivo di offrire un'opportunità di sviluppo e di promozione ad un numero sempre più ampio di produttori agricoli, è stato infatti stabilito che al Farmers market gli agricoltori possano vendere anche i prodotti di altre aziende agricole del territorio della provincia di Rimini, o dei comuni con essa confinanti.

 

Gli agricoltori hanno riscontrato una buona affluenza di acquirenti, che al Farmers market possono trovare ortaggi, frutta, prodotti biologici, formaggi, salumi, olio, vino, miele e confetture, tutto a "km zero". Per il futuro l'obiettivo è spingere sulla promozione e la diffusione dei prodotti freschi e stagionali legati al territorio, coinvolgendo ad esempio anche le scuole in attività didattiche e di educazione alimentare.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -