Rimini, fondazione Fellini. La Provincia chiede un risanamento vero

Rimini, fondazione Fellini. La Provincia chiede un risanamento vero

Rimini, fondazione Fellini. La Provincia chiede un risanamento vero

RIMINI - "Il piano di risanamento presentato dalla Provincia e' in linea di massima condivisibile, anche noi siamo per un rilancio vero. Boarini? Un altro come lui non lo troviamo". Antonella Beltrami, assessore del Comune di Rimini a Bilancio e Cultura, torna a parlare della crisi della Fondazione "Federico Fellini". Il vice presidente della Provincia, Carlo Bulletti, una decina di giorni fa e' stato chiaro. Ci sono debiti per 515 mila euro, quelli verso i fornitori scadono entro un anno.

 

Nella casse della Fondazione rimangono spiccioli, il costo del personale (165 mila euro all'anno) incide per il 40% sul totale della spesa annua e sul risultato finale di bilancio. Dunque, bisogna riportare in attivo il bilancio a partire dall'esercizio 2010 con un piano di rientro quadriennale fino 2013. E se non sara' risanamento e poi rilancio vero, la Provincia e' pronta a lasciare. Beltrami e' appena tornata da una vacanza ma i propri interlocutori su questa partita li sente spesso: "Siamo pronti a fare la nostra parte ma aspettiamo gli appuntamenti ufficiali", e' la tesi di Beltrami.

 

L'assemblea dei soci e' stata convocata per il 24 giugno, prima si riunira' per l'ultima volta il vecchio consiglio d'amministrazione. Se Bulletti ha gia' chiarito che intende sostituire l'ex sindaco Giuseppe Chicchi con il semiologo Paolo Fabbri, Beltrami non si mostra altrettanto certa ne' sul proprio conto ne' su quello del documentarista Marco Bertozzi come new entry in quota palazzo Garampi: "Meglio essere prudenti", avvisa l'assessore.

 

Parole di apprezzamento, invece, Beltrami le spende per l'attuale direttore della Fondazione, Vittorio Boarini: "A Rimini e' pressoche' insostituibile, non vedo sostituti. E comunque Pupi Avati (dopo che ha minacciato di andarsene Boarini ha detto di volerlo seguire, ndr) non ha ancora rinunciato ufficialmente". Boarini, in Messico per un nuovo ciclo di conferenze universitarie su Fellini, ringrazia: "Ma e' anche vero che il mio contratto scade a fine 2010, e io il futuro della Fondazione non voglio ostacolarlo". (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -