Rimini: fondi statali, l'aeroporto minacciato dalla tagliola

Rimini: fondi statali, l'aeroporto minacciato dalla tagliola

Rimini: fondi statali, l'aeroporto minacciato dalla tagliola

RIMINI - Il taglio di investimenti pubblici ai piccoli aeroporti (al di sotto dei 500 mila passeggeri all'anno) prospettato dalla commissione Trasporti alla Camera "non e' di natura dispositiva particolare, ma rappresenta un orientamento generale". Lo precisa oggi il presidente di Aeradria Massimo Masini, che dice di non avere "nessuna novita'" sull'ipotesi di razionalizzazione, emersa in questi giorni, che da Roma interesserebbe anche il 'Fellini'.

 

Masini sa che la vita per i piccoli aeroporti sarebbe "piu' difficile" se la commissione camerale procedera' nei suoi intenti. Allo stesso tempo, il numero uno di Aeradria si concentra sui fondi Enac per i lavori straordinari a seguito del cambio di status a Rimini-San Marino (ufficializzato lo scorso 15 dicembre) da aeroporto militare aperto al traffico civile ad aeroporto civile. "Per il cambio di status abbiamo chiesto ad Enac un finanziamento nazionale dai 4 ai 6 milioni di euro tra 2010 e 2011: contiamo di ottenerli", confida Masini. Sulla base della trasformazione, infatti, sono

aumentate le aree a disposizione per lo sviluppo, fra l'altro, delle linee low cost, dell'aviazione generale e del segmento del 'Non Aviation'. Si attende anche l'ottenimento del decreto trentennale di concessione deliberato nel maggio del 2008".

 

E ancora: "In generale, dopo i 10 milioni di euro investiti negli ultimi 3 anni, si procede con il piano quadriennale d'intesa con la proprieta' (che si riunira' in assemblea entro marzo): "Contiamo di procedere ad altri 16-18 milioni di euro di investimenti complessivamente", rende noto il presidente aeroportuale. Intanto, il gruppo riporta che si e' concluso il percorso per il rilascio e la consegna ad Aeradria spa della certificazione di qualita' Iso 9001:2008.

 

Sull'iter la societa' e' stata impegnata 11 mesi, per la stesura della documentazione e per le prove sul campo utili al raggiungimento dell'obiettivo. A certificare Aeradria spa e' stato il Cermet di Bologna, il quale ha proceduto all'invio del caratteristico bollino blu. Il certificato ha validita' triennale e contempla, per ogni anno di validita', una visita del team ispettivo. Aeradria parla di "importante risultato" nell'ambito della progettazione e dell'erogazione dei servizi di gestione aeroportuale e di handling.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -