Rimini, giallo in via XXIII Settembre. Avvocatessa uccisa da una freccia di balestra

Rimini, giallo in via XXIII Settembre. Avvocatessa uccisa da una freccia di balestra

Rimini, giallo in via XXIII Settembre. Avvocatessa uccisa da una freccia di balestra

RIMINI - Giallo a Rimini. Monica Anelli, avvocato riminese di 40 anni, è stata uccisa con una freccia scoccata da una balestra. L'omicidio è stato commesso in una palazzina in via XXIII Settembre. Sul caso indaga la Squadra Mobile. Gli inquirenti ipotizzano alla base dell'omicidio motivi familiari e stanno cercando attivamente lo zio della vittima, uno dei familiari a non essere reperibile. L'uomo per ora non è sospettato ma potrebbe essere informato sui fatti.

 

Secondo quanto ricostruito, la vittima avrebbe incontrato il proprio assassino sulla soglia dell'appartamento. Dopo un primo scontro, l'avvocato avrebbe cercato di fuggire in direzione delle scale. Il tentativo di fuga è stato vanificato da un freccia scagliata dall'omicida, che ha colpito la Anelli al collo. L'omicida è poi entrato nell'abitazione per togliere i tubi del gas, posizionando davanti alla porta d'ingresso una candela accesa sperando in un esplosione.

 

L'odore è stato avvertito dal compagno della donna quando è rientrato a casa che hanno chiesto l'intervento del ‘115'. Il tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco ha scongiurato il peggio. Accanto al corpo della donna la borsetta e la 24 ore che utilizzava per i documenti di lavoro. Stando ai primi accertamenti la balestra apparterrebbe allo zio della vittima, un ingegnere piuttosto noto in città che con la moglie viveva al pian terreno della stessa casa e che al momento risulta irreperibile.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vittima era rientrata da pochi giorni da una vacanca in Val d'Aosta: i suoi genitori erano rimasti ancora in montagna, e sono stati avvisati per rientrare a Rimini. L'avvocato viveva nella palazzina, di proprietà della famiglia composta da tre appartamenti, soltanto in aprile. In una delle abitazioni viveva con il compagno della quarantenne, un carrozziere della zona, in un'altra sta lo zio con la compagna moldava, mentre il terzo appartamento è vuoto e sfitto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -