Rimini, Hera lancia "CiboAmico"i: la solidarietà in mensa

Rimini, Hera lancia "CiboAmico"i: la solidarietà in mensa

RIMINI - Si è avviato da pochi giorni nella mensa riminese di Hera, presso la sede di via del Terrapieno, il progetto "CiboAmico", per il recupero degli alimenti non consumati, a favore di persone che vivono situazioni di difficoltà. Insieme a Concerta, che cura il servizio di ristorazione per Hera, il progetto è partito in novembre presso la mensa di Bologna e ne è prevista l'estensione progressiva a tutte le mense interne dell'azienda.

 

L'operazione trova le premesse nel recente bando di gara indetto da Hera per la gestione delle mense, che ha applicato per la scelta del fornitore criteri basati anche su aspetti di sostenibilità ambientale e sociale. CiboAmico si avvale della collaborazione di Last Minute Market, società spin-off dell'Università di Bologna che promuove da tempo la lotta allo spreco e la sostenibilità ambientale.

 

Nasce da queste premesse l'accordo firmato tra Gruppo Hera, Concerta e "La Capanna di Betlemme" dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, che a Rimini offre ospitalità ad adulti in stato disagio, in particolare in difficoltà economiche e abitative e che, con il contributo degli alimenti provenienti dall'azienda, preparerà i pasti serali per i circa 10 ospiti della struttura di pronta accoglienza.

 

Si tratta di un piccolo gesto, ma carico di significato, soprattutto sotto il profilo umano, ma non solo. Valorizzare ciò che resta di buono nelle nostre mense consente infatti anche di evitare inutili sprechi e di ridurre i rifiuti organici prodotti.

 

Nei primi giorni di avvio del progetto, nella mensa di Via del Terrapieno sono stati recuperati in media 15 pasti completi al giorno, a cui si aggiungono contorni e pane. A regime, si prevede di donare circa 3.900 pasti all'anno con conseguenti benefici sociali e ambientali, mentre per l'intero progetto la stima del Gruppo è di raggiungere i 15.000 pasti all'anno .

 

Per Edolo Minarelli, direttore Hera Sot Rimini, "CiboAmico testimonia l'impegno di Hera nell'applicazione dei principi di sostenibilità. Si tratta di un progetto importante che riesce ad abbinare valorizzazione e recupero delle risorse, lotta agli sprechi e sostenibilità ambientale e sociale, in stretto rapporto con il territorio".

 

Secondo Andrea Segrè, presidente di Last Minute Market "non smaltire 15.000 pasti/anno vuol dire non immettere nell'ambiente 8,7 tonnellate di CO2, per la cui neutralizzazione sarebbe necessaria un'area pari a 36 campi da calcio. Attraverso CiboAmico siamo solidali sia verso le fasce più deboli della società che verso l'ambiente".

 

"Siamo orgogliosi di poter partecipare a questo importante progetto - commenta Ermes Bernardi, Amministratore Delegato di Concerta spa - perché CiboAmico riesce a trasformare quello che si considera un normale spreco in una straordinaria risorsa e ciò, oltre a risultare utile a chi lo riceve, aggiunge stimoli importanti alla nostra attività ed ai nostri operatori".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -