Rimini: "I percoRSI del futuro"

Rimini: "I percoRSI del futuro"

RIMINI - Si è svolta lo scorso giovedì 12 novembre presso la Camera di Commercio di Rimini l'assemblea conclusiva del progetto PercoRSI 2009, iniziativa di sensibilizzazione e diffusione della responsabilità sociale sul territorio, promossa dalla Camera di Commercio di Rimini e dall'Associazione Figli del Mondo.

 

L'incontro è stato un momento molto partecipato di condivisione delle attività svolte durante l'anno, che ha dato voce a tutti i soggetti che operano nel territorio in modo socialmente responsabile e che ha presentato il concetto di Distretto Economico Responsabile, un distretto che basi il proprio sviluppo sull'etica e sulla responsabilità, unendo crescita economica, coesione sociale e tutela ambientale. Come hanno sottolineato negli interventi d'apertura Maurizio Temeroli, Segretario Generale della Camera di Commercio di Rimini, e Lino Sbraccia, Presidente di Figli del Mondo, il processo di costruzione di un Distretto Economico Responsabile richiede necessariamente il coinvolgimento del mondo economico, della Società civile e del settore pubblico-istituzionale.

 

Nessun soggetto può promuovere da solo uno sviluppo sostenibile che garantisca realmente protezione e promozione ambientale, crescita sociale e sviluppo economico, ma è necessaria una governance allargata, che coinvolga ambiti e competenze diverse che lavorino in rete. Questo è l'obiettivo di PercoRSI che si propone di costruire una piattaforma comune di valori, condizione sine qua non del manifestarsi di comportamenti cooperativi e di pratiche e azioni responsabili che diano valore aggiunto al nostro territorio.

 

In seguito, si è svolta una tavola rotonda, coordinata da Rossella Sobrero, tra i rappresentanti di quattro associazioni di categoria aderenti al progetto (Maurizio Focchi per Confindustria, Primula Lucarelli per CNA, Daniele Cipriani per AIA Rimini e Giancarlo Ciaroni per Legacoop) che si sono confrontati sul tema della cultura d'impresa alla luce del concetto di responsabilità sociale e sulle buone pratiche messe in atto dalle rispettive associazioni di categoria.

 

Dopo alcuni interventi di imprenditori presenti in sala che hanno dato la propria testimonianza su come sia possibile fare impresa in modo responsabile, è stato proiettato un video che ha presentato altre esperienze che non sono nate nell'ambito del progetto PercoRSI, ma che contribuiscono comunque a rendere il territorio più sostenibile e solidale.

 

Ricordiamo, solo per citarne alcune, l'istituto Valturio con il progetto la RSI a scuola, l'esperienza di RiGAS Rimini o ancora il Tribunale di Rimini con la Giornata europea della giustizia civile dedicata al tema della responsabilità sociale. Una seconda tavola rotonda ha visto protagonisti alcuni progetti di PercoRSI 2009: Ecoufficio, Esternalizzare per includere, Bilancio sociale semplificato per PMI, Avvocati solidali e Città dei mestieri.

 

A conclusione dell'incontro Maurizio Temeroli ha presentato le attività previste nel progetto 2010 di PercoRSI che sarà caratterizzato da un approccio più operativo rispetto agli anni precedenti: a tutti i soggetti partecipanti (imprese, associazioni di categoria, ordini professionali, altre organizzazioni e associazioni del territorio) sarà infatti richiesto di attuare una buona pratica di responsabilità sociale con l'obiettivo di fare un altro passo verso la costruzione a Rimini di un Distretto Economico Responsabile.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -