Rimini, il Pd si divide sul project financing da 23 milioni per i parcheggi del centro

Rimini, il Pd si divide sul project financing da 23 milioni per i parcheggi del centro

Rimini, il Pd si divide sul project financing da 23 milioni per i parcheggi del centro

RIMINI - Quella dei parcheggi in project financing da 23 milioni di euro in Comune a Rimini si conferma una partita sofferta. Dopo i due rinvii in commissione, l'altra sera in Consiglio comunale la delibera sul piano Italo Flori-Scarpetti e' passata soltanto con 17 voti a favore su 25 di  maggioranza (sindaco incluso) nonostante un appello esplicito del primo cittadino Alberto Ravaioli. Ad astenersi anche diversi consiglieri del gruppo Pd.

 

 Per far davvero partire i lavori "entro l'estate"- come a piu' riprese ha annunciato la Giunta- bisogna che la firma della convenzione con l'Ati in questione, Conscoop e gruppo Monatti spa, giunga il prima possibile (il diritto di superficie con il voto di ieri e' stato concesso). L'assessore ai Lavori  Pubblici, Juri Magrini, allarga le braccia perche' non ha nessuna certezza: "Mi auguro davvero che l'iter possa partire al piu' presto. La firma con il promotore? Non so quando ci potra' essere, spero presto".

 

E' chiaro che le imprese coinvolte si sarebbero aspettate un percorso amministrativo meno tortuoso. A opera completata i posti auto nel centro risulteranno piu' o meno gli stessi di oggi, circa 880, e saranno piu' cari (un euro e mezzo all'ora): piu' o meno 350 parcheggi, pero', verranno venduti ai privati, con diritto di prelazione per i residenti attorno al quartiere Fiorani o per i commercianti.

 

Il Pdl, uscito dall'aula per protestare contro le critiche del Pd al Governo sul patto di stabilita', ha potuto inasprire i suoi attacchi. Il consigliere Eraldo Giudici, che si e' appostato sugli spalti del pubblico con una paio di colleghi, definisce il project "un motore immobiliare che non aumenta significativamente i parcheggi a rotazione per il centro della citta', 30 in piu' a regime, ma crea un grandioso monopolio sostenuto dalle 'favorevoli' condizioni garantire dal Comune".

 

Condizioni che secondo l'opposizione "porteranno a  trasformare centinaia di parcheggi liberi, che ci sono ancora all'esterno delle mura, in parcheggi a pagamento, come previsto per la  zona dello stadio". Insomma, conclude Giudici, "abbiamo forti dubbi che facendo cosi', come ci ha spiegato il capogruppo del Pd Marco Agosta, si favorisca il rilancio del centro storico, che ormai e' moribondo nonostante i milioni malamente spesi dal Comune e serviti a ben poco". (Dire)

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -