RIMINI - Il 'no' del ministero al Palacongressi.

RIMINI - Il 'no' del ministero al Palacongressi.

RIMINI – Il Palas bloccato dall’autorità per la vigilanza sui lavori pubblici. Il presidente della Fiera Lorenzo Cagnoni è furioso. Il problema è nato dal fatto che la spa è di proprietà di Comune, Provincia e Camera di commercio, quindi pubblica. La decisione sentenzia che l’intervento sia appaltato tramite un bando pubblico. Cagnoni ribadisce che gli ampliamenti hanno sempre seguito la linea dell’affidamento diretto.


Il mistero nasce dal perché ci sia stata questa indagine, nonostante, in termini giuridici, sia lecita. Il problema sollevato dal presidente, promettendo una battaglia nazionale, è che, se la decisione fosse stata applicata a tutti i lavori appaltati alle fiere italiane, si sarebbe verificata una vera e propria paralisi del settore. L’esposto, che ha fatto bloccare tutto il progetto, è giunto su carta intestata del Comune, ma si è rivelato un falso. Lo ‘spione’ sembrerebbe essere qualche nemico di Cagnoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il problema principale resta quello della tempistica: la fine dei lavori era prevista entro il 2008 e, con questo inghippo, si ipotizza un ritardo anche di un anno. Ora è tutto nelle mani degli enti pubblici coinvolti.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -